Con la continua crescita del numero di dispositivi e della quantità di informazioni trasmesse, la tecnologia Wi-Fi non può certo pensare a rallentare il suo cammino di crescita. In attesa del prossimo standard, l’attuale 802.11ac vedrà un significativo aggiornamento. L’annuncio, arrivato oggi dalla Wi-Fi Alliance, parla di «expanded features» che apporteranno maggiori performance in termini di velocità e capacità dei network Wi-Fi.

airport_roundup

Nel dettaglio le principali nuove caratteristiche dello standard 802.11ac espanso, includono:

  • MU-MIMO networks: questa tecnologia è in grado di rendere una base station multitasking, ovvero capace di inviare dati contemporaneamente a più device, incrementando così l’efficienza del network;
  • canali a 160MHz: l’estensione dello standard attuale apporta anche un aumento della larghezza di banda, dagli attuali 80MHz a 160MHz, con un potenziale raddoppio della velocità massima teorica di trasmissione;
  • quattro flussi spaziali: specifica importante in abbinamento alla tecnologia MIMO, influenza la velocità di trasmissione dei device in modo proporzionale al numero di flussi spaziali, ora quattro, in aumento rispetto ai tre precedenti;
  • supporto esteso ai canali a 5GHz: l’aumento dei canali sulla banda dei 5GHz permetterà di usare in modo più efficiente lo spettro disponibile, riducendo le interferenze e minimizzando la congestione di rete in situazioni critiche.

Queste caratteristiche permetteranno agli utenti il raggiungimento della velocità di 1,3Gbps, ovvero il massimo che il protocollo 802.11ac può fornire. Inoltre, è importante ricordare che, sebbene non cambi il nome della versione dello standard IEEE 802.11, non è possibile apportare queste nuove feature ai dispositivi e alle base-station di cui attualmente disponete. Si parla quindi di nuovo hardware, equipaggiato con chipset compatibili con le nuove specifiche, alcuni di essi già presenti sul mercato. Se pensiamo che le attuali basi Airport Extreme e Time Capsule di Apple, sono aggiornate a giugno 2013 (per non parlare della Airport Express, ferma allo standard 802.11n), potrebbe essere arrivata l’occasione per un refresh da parte di Cupertino.