Come dicevo nel mio post di ieri sera, Microsoft è rimasta molto indietro nel mercato delle app per dispositivi mobili. L'idea di creare app universali da usare su ogni dispositivo Windows 10 (sia esso smartphone, tablet, convertibile o PC) non ha preso piede, anche a causa dei precedenti e fallimentari tentativi di conquista del mercato mobile (Windows Phone 7.x e 8/8.1). Allo scorso evento /build/, l'azienda di Redmond ha annunciato una serie di strumenti in grado di convertire facilmente le app già sviluppate per Android e per iOS in software per Windows 10, sperando di attirare quanti più sviluppatori vogliosi di ampliare il proprio bacino di utenza (nonostante la situazione disastrosa lato smartphone: la diffusione dei Lumia si attesta a meno dell'1% del mercato). Se il tool per Android (Project Astoria) è stato abbandonato, quello per iOS (conosciuto come Project Islandwood) è vivo e vegeto ed il suo sviluppo è ora seguito da Xamarin, società che (a dispetto del nome da medicinale) aveva già creato un interprete simile prima di essere stata rilevata da Microsoft con lo specifico compito di continuare, con più fondi a disposizione, lungo la strada intrapresa.

msoft

L'ex start-up ha pensato, assieme alla sua nuova casa madre, di avvicinare quanti più sviluppatori interessati alla piattaforma con un... party post keynote inaugurale della WWDC 2016, durante il quale saranno sorteggiati premi come Apple Watch Sport (già!) e Xbox One. Durante l'evento, secondo le indiscrezioni, sarà presentato il nuovo tool di Xamarin e la possibilità, per gli sviluppatori di app per iOS, di accedere al servizio cloud di Microsoft Azure. L'evento sarà aperto a tutti gli interessati (anche a chi non si è registrato per la WWDC) e si svolgerà lunedì prossimo a pochi passi dalla sede dell'evento Apple, fra le 17 e le 20.30 ora locale. Se per caso foste interessati a parteciparvi, il link per prenotare l'ingresso è wwdcparty.ms. Per tutti gli altri, invece, l'appuntamento è con il nostro SaggioMela a partire dalle 18.00 di lunedì 13 per il commento live alle novità software che saranno presentate da Apple.