iPhone 7 è stato presentato e lanciato senza il jack audio da 3.5 mm, suscitando una "Civil War" fra chi non ritiene l'abbandono un sintomo di innovazione e di "coraggio" e chi, invece, sostiene che ormai tutte le comunicazioni devono avvenire senza fili, vista l'enorme mole di cuffie e auricolari Bluetooth in circolazione. Del resto, la stessa Apple spinge sempre più verso standard di comunicazione senza cavi, idea estremizzata anche nel suo MacBook.

Airpods-custodia

Per far pesare meno la mancanza del buon vecchio "spinotto", Apple ha incluso nella confezione di iPhone 7 gli EarPods Lightning (ed un adattatore i "vecchi" dispositivi audio) di cui ha anche presentato una variante Bluetooth altamente tecnologica, gli AirPods, che nei programmi aziendali avrebbe dovuto essere lanciata proprio a fine ottobre (presumibilmente in concomitanza con il keynote di oggi pomeriggio dedicato ai nuovi MacBook Pro). Purtroppo, un portavoce della società ha riferito a TechCrunch che Apple avrebbe riscontrato alcuni bug software ed hardware durante l'ultima fase di test del prodotto e che, per offrire la migliore esperienza possibile ai propri utenti, ha deciso di posticiparne il lancio, senza però specificare in che finestra temporale.

Chi, quindi, avrebbe voluto provare le decantate meraviglie del chip W1 progettato dalla società (che, fra le altre cose, permette di collegare gli AirPods direttamente ad iPhone, iPad o ai Mac senza alcuna configurazione) dovrà attendere un altro po'. Non si sa se, comunque, le cuffie Beats Solo3 e gli auricolari BeatsX, entrambi dotati del W1, verranno introdotti sul mercato dopo il lancio di AirPods o ne anticiperanno l'uscita. Per ora, non ci resta che attendere ed augurarci che, fra un lancio ritardato e una Microsoft in gran forma con il suo Surface Studio, il keynote di oggi non si riveli deludente.