Anche quest'anno l'autunno tecnologico si preannuncia parecchio caldo. Apple ha scoperto parzialmente le sue carte (mancano i Mac all'appello e un keynote dedicato potrebbe esservi nelle prossime settimane), Google le ha scoperte tutte salvo sorprese e presto lo farà pure Microsoft. L'azienda di Redmond ha ufficializzato qualche ora fa il suo prossimo evento, previsto il 26 ottobre a New York.

eventoms26ott

Le novità spazieranno tanto sul software quanto sull'hardware. Per il primo, ci si aspettano maggiori dettagli sulle novità che porteranno i prossimi due aggiornamenti major di Windows 10, nomi in codice Redstone 2 e Redstone 3. Alcune build sono già state rilasciate (la più recente, 14942, proprio oggi) ai partecipanti del programma Windows Insider, ma non hanno portato sinora novità stravolgenti, concentrandosi soprattutto su piccole aggiunte e rifiniture alle funzionalità già esistenti. Anche la conferenza Ignite non ha mostrato i futuri "pezzi forti" del sistema operativo, ad eccezione delle interessanti migliorie per l'interfaccia Continuum. A questo punto, possiamo dire che la motivazione di tale ritrosia è stata resa chiara nella giornata odierna.

Ancor più intrigante è il discorso dispositivi. Il colosso guidato da Satya Nadella, proprio come Google, ha deciso di sfidare Apple nel suo stesso campo, ovvero curare software e hardware totalmente in casa. Dopo i tablet Surface, che continuano a riscuotere un discreto successo, lo scorso anno è arrivato il primo portatile, anzi, 2-in-1, il Surface Book. Fra poco meno di tre settimane ci sono ottime probabilità che ne vedremo la seconda versione (sperando arrivi pure in Italia, stavolta), ma la vera novità potrebbe essere lo sbarco nel settore degli all-in-one. Microsoft ci sta lavorando da parecchio tempo e di recente hanno fatto visita presso la FCC per la certificazione due dei suoi componenti, ovvero tastiera e mouse. Non è detto che l'aspetto andrà ad avere somiglianze con quello degli iMac, con un brevetto rinvenuto ad agosto a suggerire un possibile approccio modulare. Niente da fare, invece, per i telefoni: nonostante la serie Lumia sembri ai suoi ultimi mesi di vendita, il chiacchierato Surface Phone arriverà solo nel corso del 2017. Coloro che sperano nel rilancio anche di Windows 10 Mobile dovranno dunque aspettare.