Negli ultimi tempi Apple sta gradualmente rinnovando i suoi store fisici, giunti a quota 487 unità e sparsi per 20 diverse nazioni del mondo. Di recente la responsabile del settore retail, Angela Ahrendts, ha presentato il nuovo design dei futuri negozi. La notizia che circola in queste ore riguarda invece la progressiva scomparsa da molti store dei cavi antitaccheggio, atti sì a non consentire l'allontanamento dal negozio con un dispositivo in tasca ma che al tempo stesso vanno a "sporcare" il design dei prodotti.

apple-store-cavi-sicurezza

Come appaiono gli iPhone liberi dai cavi antitaccheggio. Nel riquadro due iPhone assicurati con il sistema attuale.

La rimozione dei cavi di sicurezza si è già vista in alcuni store come quello di Toronto, in Canada. Apple ha spiegato a CNET che la dimissione dei cavi dagli iPhone permetterà ai clienti di impugnare al meglio i dispositivi esposti, sentire come stanno in mano o addirittura nelle tasche dei pantaloni. I negozi Apple non sono disseminati di telecamere di sicurezza né abbondano di personale addetto allo scopo, lasciando dunque massima fiducia al cliente. Come deterrente contro i furti agirà la disabilitazione da remoto di qualunque dispositivo portato illegalmente fuori dal negozio, rendendolo inutilizzabile.

Apple-store-regent-street-new

Una foto degli interni del nuovo negozio di Regent Street, Londra, che verrà inaugurato sabato 15 ottobre. (engadget)

Questa nuova filosofia verrà adottata anche nel rinnovato store londinese di Regent Street, che dopo alcuni mesi di chiusura per ristrutturazione riaprirà domani portando con sé tutte le novità estetiche dei nuovi negozi, compresi i bellissimi alberi che svettano tra i tavoli in legno. Per il momento nessun retail store italiano può vantare il nuovo design, che probabilmente potremo ammirare nel futuro negozio di Milano Piazza del Liberty, i cui lavori dovrebbero partire dopo Natale e concludersi verso la fine del 2017. In questo caso pare potremmo vantare per primi al mondo un nuovo elemento estetico, progettato dallo studio di architettura Norman Foster e costituito da un parallelepipedo di cristallo con cascate d’acqua discendenti verso il negozio che si aprirà sottoterra. Forse proprio la locazione interrata del futuro store meneghino impedirà l’utilizzo degli alberi da frutta per carenza di luce naturale? Speriamo di no, perché ritengo la vegetazione uno degli elementi più belli e caratterizzanti del nuovo interior design di Apple.