Se le scaramucce legali stanno andando verso un lento ridimensionamento, col principale oggetto del contendere ormai attestatosi sull'entità del risarcimento, quelle commerciali tra Apple e Samsung si stanno invece ulteriormente infervorando. L'azienda coreana era intenzionata a lanciare entro gennaio 2017 anche su iOS una versione ridotta, dedicata alle sole transazioni online, della sua piattaforma di pagamenti Samsung Pay, potendo così guadagnare un importante vantaggio multipiattaforma rispetto alle due principali rivali, Android Pay e Apple Pay. Ma da Cupertino non sembrano essere dello stesso parere: come riportato dalla testata ETNews, Samsung Pay Mini sarebbe stata rifiutata in fase di approvazione per l'App Store.

Tanto quanto il rigetto stesso, le sue ragioni non sono note in via ufficiale. Sappiamo che Apple ha regole piuttosto ferree per l'ingresso di nuove applicazioni nel suo negozio digitale e non di rado anche grandi nomi hanno dovuto sbattervi i denti contro. Riguardando le linee guida, la motivazione che mi sembra maggiormente plausibile è questo punto nella sezione "Business" (qui sotto il pezzo già tradotto in italiano):

3.1.5 Beni fisici e servizi al di fuori dell'app: Se la vostra app consente agli utenti di acquistare beni o servizi al di fuori dell'app, dovete utilizzare metodi differenti di acquisto da quello in-app per riscuotere questi pagamenti, come Apple Pay o carte di credito tradizionali. L'app può facilitare la transazione con valute virtuali approvate (es. Bitcoin, DogeCoin), posto che esse siano conformi alle leggi dei territori in cui opera l'app.

Il punto parla chiaro nel rendere piattaforme differenti da Apple Pay non consentite per chi intende approdare sull'App Store. Si ipotizzano anche possibili ragioni di sicurezza, ma in quel caso Samsung avrebbe di certo effettuato modifiche al fine di rientrare in conformità. Invece secondo ETNews avrebbe deciso di non proseguire più con l'iter di approvazione, il che fa pensare alla possibilità di un tentativo effettuato nella speranza che Apple facesse un'eccezione alla regola onde evitare risonanze mediatiche su un possibile sgarbo alla sua più grande concorrente. Niente da fare: le regole sono uguali per tutti. Samsung Pay Mini dovrebbe essere lanciata in ogni caso a gennaio durante il CES 2017, limitandosi ad arrivare sui dispositivi Android non-Samsung, il che non è comunque poco.