Il 2017 di Apple non sarà importante solo per il decennale dell'iPhone e per le iniziative di riscatto che ci si auspica lato Mac. Questo è il fatidico anno in cui l'azienda di Cupertino entrerà nel suo nuovo Campus 2. Un progetto colossale, voluto fortemente da Steve Jobs, che sta richiedendo numerosissime risorse sia tecniche sia finanziarie. Il risultato però promette di valerne la pena: la fine dei lavori non è più distante e l'aspetto si sta man mano avvicinando ai render che avevamo visto negli scorsi anni. Vediamo gli ultimi sviluppi.

Il più recente stato dell'opera arriva dalle riprese di Matthew Roberts (via 9to5Mac), che già da parecchio tempo segue col suo drone mese dopo mese come procede la preparazione del Campus. Iniziando dalla struttura principale, il grosso risulta fatto: la forma circolare è compiuta e le installazioni si sono spostate su vari elementi come i pannelli solari (rimane ancora da ricoprire circa il 30% del tetto) e le tettoie sopra le finestre. Anche le imponenti porte scorrevoli appaiono ormai quasi pronte all'uso, mentre nell'area aperta centrale si sta procedendo all'innesto dei primi alberi di una lunga serie che andranno ad adornarla.

Ancor più spediti i lavori per il centro Ricerca e sviluppo, dove si sta asfaltando la zona davanti che prevederà alcuni parcheggi, predisponendo al contempo anche l'illuminazione. Già terminati i giganteschi garage multipiano che ospiteranno al coperto le auto degli oltre 13.000 dipendenti; nell'attesa che essi possano usufruirne, gli operai stanno facendo da "Beta tester" parcheggiandovi i propri mezzi. In generale si può notare una importante cura della viabilità interna, prevedendo non solo strade e tunnel per l'accesso motorizzato ma anche svariati percorsi a piedi. Leggermente meno avanzati nella costruzione sono invece l'auditorium e la palestra. Il primo ha la struttura completa, ma le vetrate sono coperte da grossi teli bianchi e il terreno attorno è lungi dall'essere pronto. Il centro fitness si presenta ancora piuttosto trafficato di materiali e mezzi sul tetto; nel frattempo ci si porta avanti piantando gli alberi che lo circonderanno.

Il grosso però si può dire sia ormai fatto e la consegna si avvicina. Anche se non così vicina come si sperava: le previsioni di Tim Cook vedevano già gennaio come mese di trasferimento da One Infinite Loop, ma ora si parla di marzo o aprile. Bisognerà finire gli ultimi dettagli esterni, le strade, occuparsi degli interni e infine ripulire tutto il Campus dall'attrezzatura edile. Compiti che richiederanno grandi sforzi, nonché estrema cooperazione tra le varie imprese coinvolte nel progetto. Vedremo se sarà pronto in tempo per iniziare alla grande, magari con una WWDC... Nell'attesa, chiudiamo l'articolo inserendo il video integrale delle riprese effettuate da Roberts: