L'anno scorso ho iniziato un percorso che riassumerei con il concetto di espansione degli orizzonti. Nel mio caso si è trattato più che altro del riprendere la vecchia e sana abitudine della sperimentazione, che Apple aveva sopito in me grazie ad un ecosistema semplice ed efficiente. Ma le esigenze non rimangono sempre le stesse e, ad un certo punto, qualcosa si è incrinato, lasciandomi intravedere un mondo di golose possibilità. Non ne faccio un discorso filosofico e non pretendo che si debba estendere a tutti, ma finora devo ammettere di averne avuto solo giovamento. Certo c'è voluto tempo, ma nel mio caso non è stato sprecato visto che tutte le mie esperienze verranno messe nero su bianco e potrebbero aiutare più di una persona. Tra le altre cose, negli ultimi mesi ho modificato interamente tutta l'infrastruttura di rete (vedi #ProgettoRete), assemblato un computer che mi permette di montare i video con più velocità (vedi #ProgettoWin) e ho quasi terminato un fileserver domestico (seguiranno i dettagli nell'imminente #ProgettoNAS). In parte per questo, in parte per la diffusione delle Smart TV e dei TV Box, mi sono trovato ad aver bisogno di strumenti di input rapidi e portatili, da spostare di volta in volta dove necessario. Mi riferisco a mouse e tastiere, in sostanza, che non è comodo (e neanche esteticamente bello) avere in vista nel salotto vicino al TV o sempre connessi a router o NAS, dove si usano molto di rado dopo la prima configurazione. Certe volte uso quelli tradizionali con il filo, ma per interventi al volo preferisco dispositivi compatti. Questi si possono collegare via Bluetooth ma, in genere, sono molto più comode le versioni Wireless RF 2.4 GHz, in quanto non richiedono alcuna configurazione e funzionano appena si collega il ricevitore.

rii-mini-keyboard-2

Ne ho provati tantissimi e ogni tanto li avete intravisti anche nelle recensioni di altri prodotti, proposti come compagni ideali, ma vorrei dedicare un piccolo spazio ad ognuno di questi nei prossimi giorni. Inizio dalla Rii i10 Mini Keyboard, la quale include una tastiera ed un trackpad in circa 15 x 6 cm. Mi ha incuriosito in particolare la disposizione degli elementi, perché lo spazio per il trackpad sull'estrema destra è molto comodo da muovere con il pollice.

rii-mini-keyboard-4

Sul retro troviamo un piccolo sportellino che nasconde il ricevitore USB, che si può connettere praticamente ad ogni dispositivo, basta supporti le tastiere. Io l'ho testato su Mac, Windows, Linux, FreeBSD, LG webOS 2 e 3, Samsung Tizen 2, Xbox One S, NVIDIA Shield TV e svariate Android TV. Non sempre si ottiene la piena compatibilità dei caratteri speciali senza configurazione, ma è scontato che un prodotto del genere non nasca per lunghe digitazioni. Sui server mi è utile per le poche volte in cui devo accedere all'UEFI, ma in realtà ci ho fatto anche tutti i lavori di installazione di svariati sistemi che ho testato, tra cui ESXi, FreeNAS e NAS4Free (tanto dopo i primi passaggi si controlla tutto in remoto). A differenza dei supporti Bluetooth, quelli con il proprio ricevitore RF funzionano sin da prima che parta il sistema operativo, cosa necessaria se si deve avere a che fare anche con BIOS o UEFI. Il limite è che la portata è leggermente inferiore e, in alcuni casi, si avverte un po' di lag, ma per l'esigenza a cui rispondono non lo considero un problema.

rii-mini-keyboard-6

Sulle Smart TV o i TV Box servono in tante situazioni ma, in generale, il vantaggio si apprezza tutte le volte in cui si debbano digitare dati di accesso. Però è anche comodo per risolvere i problemi dovuti al porting di app per tablet su TV, visto che questi spesso richiedono il mouse (ne ho parlato recensendo WETEK.hub). La Mini Keyboard i10 di Rii ha un layout italiano, o almeno qualcosa di molto simile. In realtà molti tasti funzione sono ricollocati per contenere gli spazi, ma l'impronta principale è quella. Ci sono anche una serie di scorciatoie attivabili con il tasto Fn, come ad esempio la regolazione del volume, mentre sulla sinistra si trovano due tasti che riproducono clic sinistro e destro del mouse. Impugnandola con due mani questi risultano molto comodi e veloci da adoperare.

rii-mini-keyboard-3

Altra cosa interessante di questo prodotto è la presenza di un puntatore laser, il cui raggio si attiva con la pressione di un pulsante circolare sul dorso. Grazie a questo pratico dispositivo, possiamo usare la tastiera con trackpad collegata al computer durante una presentazione ed avere sia la possibilità di controllare il computer che di indicare qualcosa sulla proiezione.

rii-mini-keyboard-1

Conclusione

Compatta ed esteticamente gradevole, la Rii i10 Mini Wireless risolve tantissime situazioni. Non sarà mai l'unico dispositivo di input per un computer o un TV, ma è l'ideale da avere a casa o sempre con sé, pronti ad utilizzarla nelle situazioni più disparate. Ha una batteria interna la cui durata è difficile da definire, proprio perché non è un prodotto che si usa continuativamente, ma sembra comunque piuttosto longeva. Peccato che si ricarichi via Mini USB (e non Micro USB), perché ormai è sempre più difficile trovare cavi di questo tipo in giro. Tuttavia è comunque utile avere sempre a portata di mano il suo cavetto, perché funge sia da prolunga per il ricevitore che da ricarica per la tastiera. Complessivamente lo ritengo un buon prodotto, anche se il prezzo di 29,99€ non è propriamente economico. L'unica cosa strana che mi è capitata è che su Windows il trackpad si muoveva troppo lentamente costringendomi a modificarne le impostazioni.

PRO
+ Molto compatta
+ Comodo posizionamento del piccolo trackpad
+ Funziona praticamente su ogni dispositivo
+ Layout italiano (o qualcosa di simile)
+ Puntatore laser integrato

CONTRO
- Non proprio economica