L'attività di Apple in questa prima parte del 2017 è stata un po' blanda, all'apparenza anche più degli scorsi anni in cui bene o male i rilasci primaverili non facevano mancare qualcosa di sostanzioso. Ciò in ogni caso non desta troppa preoccupazione, dal momento che come da tradizione le danze a Cupertino si aprono davvero da giugno in poi. A mancare all'appello per ora rispetto la roadmap prevista è solo una cosa: l'Apple Park. Nel suo comunicato di febbraio, la mela aveva previsto aprile come mese di apertura almeno per l'edificio principale, col trasferimento dei primi dipendenti dagli attuali uffici di One Infinite Loop, mentre procedevano i lavori sul resto del terreno. Aprile è passato, ma a quanto pare le cose non sono andate come auspicato. Se il personale Apple avesse iniziato ad approdare al Park, presumibilmente si sarebbe saputo con grande risalto. Invece sono continuati, e continuano tuttora, solo i rilasci di video catturati da droni privati in cui si mostrano i tanti lavori rimasti da completare.

Un nuovo video, fresco di pubblicazione e riportato da AppleInsider, mostra vari sviluppi degli ultimi giorni. La struttura primaria appare ormai quasi completa esternamente, con gli ultimi tocchi che si stanno concentrando perlopiù sul tetto. Maggiori interventi ancora da fare s'intravedono negli interni e soprattutto nell'area centrale, dove prosegue l'innesto degli alberi e mancano ancora sia l'erba sia i camminamenti per percorrere questa futura oasi verde. Rimangono invece molti attrezzi edili sul campo, essendo stata la zona utilizzata pure come una sorta di deposito durante le fasi più concitate della costruzione. I preparativi per alberi e viabilità si estendono a tutti gli edifici circostanti, a loro volta da terminare nelle loro facciate (eccetto i grandi parcheggi multipiano, già pronti e "collaudati" dagli operai del cantiere). Progressi significativi si segnalano per lo Steve Jobs Theater, dove si sta predisponendo la pavimentazione esterna.

Tanti avanzamenti, piccoli e grandi, ma che presumibilmente non saranno sufficienti a confortare la dirigenza Apple, ancora in attesa di prendere possesso ufficiale del campus e che già ha dovuto soprassedere a vari rinvii, incluso quello più recente di aprile. Cook non vuole più aspettare per la sua creatura, però: indice n'è l'aumento di uomini e mezzi sul campo, notato nelle più recenti riprese aeree. Vedremo se questo ulteriore dispiego di forze permetterà di dare la svolta definitiva a breve. Chiudiamo lasciandovi al filmato che illustra i cambiamenti descritti più sopra: