Nell'ecosistema iOS, un nome che ha riscosso parecchio successo è quello di Readdle. L'azienda di Odessa (Ucraina) ha creato un vasto set di applicazioni per i più svariati ambiti produttivi, apportando costanti aggiornamenti nel tempo. La fase di start-up si può definire ormai alle spalle, avendo acquisito una buona tranquillità economica (ancor più notevole, se ci si pensa, il fatto di esserci riusciti in un'area geopolitica piuttosto instabile) e iniziando a puntare pezzi grossi, come l'ex-manager dell'app Mail di Apple, Terry Blanchard. Oggi non è però Spark a stare sul palcoscenico: tocca a un'altra app di Readdle, di più lungo corso, ovvero PDF Expert. La nuova versione 6 per iPhone e iPad presenta infatti un nuovo editor che potenzia le numerose funzionalità di lettura ed annotazione già esistenti, in linea a quanto già fatto alcuni mesi fa sull'edizione Mac.

Se si rivelasse necessario, infatti, l'utente avrà a disposizione un set di strumenti piuttosto fornito per modificare direttamente il PDF aperto, senza dover ricorrere ad altre app più specializzate (un esempio è PDF Office su iPad, tanto per rimanere in casa Readdle). Il testo può essere cambiato, riformattato e riposizionato, con la possibilità di fare lo stesso per le immagini nel documento o aggiungerle se non già presenti; possono inoltre essere aggiunti collegamenti a pagine Web, applicati effetti di copertura per dati non destinati alla divulgazione pubblica (nell'eventualità è ora presente pure l'opzione per impostare una password al PDF) e creati dei segnalibri per l'accesso rapido a specifici paragrafi/capitoli. Per la parte, invece, l'interfaccia è stata rivista al fine di rendere più veloci operazioni come quelle d'importazione e condivisione, anche da e verso i servizi cloud, così come le ricerche.

PDF Expert 6 è disponibile sull'App Store al prezzo di 10,99 €, lo stesso della versione precedente. A proposito di PDF Expert 5, per coloro che l'avevano acquistata l'aggiornamento sarà parzialmente gratuito: per le nuove funzionalità di editing occorrerà infatti eseguire un acquisto in-app al medesimo costo praticato per i nuovi utenti. Una nota che senz'altro causerà qualche malumore, soprattutto se magari l'applicazione era stata acquistata in tempi recenti, ma va considerato che già in precedenza il passaggio tra rilasci maggiori avveniva a pagamento e la quinta versione ha goduto nel complesso di tre anni e mezzo di supporto. Uno "sconto fedeltà", in ogni caso, sarebbe stato quantomeno gradito.