Ho aspettato un po' prima di scrivere questo articolo, visto che chiunque può diffondere su Reddit qualsiasi tipo di notizia, ma l'identità dei leaker sembra essere stata già verificata dai moderatori tramite alcuni documenti che confermerebbero il loro status di dipendenti di Foxconn.

Le tre gole profonde hanno svelato alcuni dettagli sul futuro dei prodotti Apple, nonché diverse curiosità su ciò che forse non vedrà mai la luce. Inizio ad esaminare quanto diffuso partendo da ciò che potremmo vedere già oggi, fino ad arrivare ai progetti più lontani o impossibili.

Siri Speaker (o Siri Home)

Una delle sorprese odierne (confermata anche da Mark Gurman) è il famoso Siri Speaker, il rivale di Google Home ed Amazon Echo realizzato da Apple. Ne abbiamo già parlato in abbondanza, ma i tre insider confermano un design molto simile all'attuale Mac Pro (che così rivivrebbe una seconda giovinezza in vista della sua dismissione nel 2018) con dimensioni ridotte e la presenza di un processore A9 modificato. Sino ad oggi sono stati progettati tre diversi prototipi, di cui uno con un display e una fotocamera, uno solo con quest'ultima e uno senza entrambi.

Il fatto che Apple non abbia ancora avviato la produzione confermerebbe che il prodotto potrebbe essere commercializzato nel corso del 2017, di modo da dare il tempo agli sviluppatori di aggiornare le proprie app per garantirne la compatibilità. A ben pensarci, la mossa garantirebbe ad Apple un'ottima base di partenza, rendendo lo speaker molto più appetibile per l'utente finale che potrebbe intravederne subito l'utilità, senza attendere che passino mesi prima che le proprie app preferite siano rese compatibili.

MacBook

La linea MacBook sarà soggetta ad alcune revisioni da qui ai prossimi 18 mesi. Innanzitutto, è confermato lo speedbump (ma va!) per il 2017 di MacBook e MacBook Pro, mentre l'Air dovrebbe salutarci definitivamente, ma prima riceverà un altro piccolo aggiornamento. Sono state testate varianti del modello da 12" di colore nero scuro (come iPhone nero opaco) e con più parti in vetro, così come il ritorno della mela luminosa sul retro.

I sostenitori del MagSafe gioiranno, visto che potrebbe ritornare di qui a 18 mesi (chissà se con una porta dedicata o implementato in una Thunderbolt 3). Rimarrà deluso, invece, chi avrebbe voluto un laptop con schermo touch, visto che Apple non ha alcuna intenzione di implementarlo.

iPad, iMac e accessori

I tre dipendenti, pur non avendo accesso alla linea produttiva di iPad, confermano che è in cantiere un iPad Pro da 10.5". Inoltre, i leaker hanno dichiarato che Apple ha in programma per il 2017 una profonda revisione della sua canonica linea desktop che riceverà un sostanziale aggiornamento delle componenti interne e una tastiera con Touch Bar. Pare che sia stata testata la produzione di due tastiere e-ink (una in bianco e nero e una a colori), basate su tecnologie differenti (di cui una di Qualcomm), ma che sono rimaste allo stadio di prototipi.

iPhone 7S

Se pensiamo al suo design, potremmo anche chiamarlo "iPhone 6sss", visto che rimarrà pressoché immutato e con il corpo in alluminio, ricevendo il classico aggiornamento di SoC.

iPhone 8

A quanto pare, il nome del nuovo iPhone sarà per davvero iPhone X, forse per festeggiare la ricorrenza del decennale. C'è la conferma di un ritardo nella produzione di massa, ma a quanto pare il design non sarà dissimile da quello del 7, anche se il corpo sarà interamente in vetro, senza cornici e senza Touch ID che dovrebbe essere definitivamente abbandonato in favore del riconoscimento facciale e della scansione della retina tramite fotocamera frontale. Infatti, pare che le prestazioni del lettore di impronte integrato nel display non siano state soddisfacenti e, quindi, Apple abbia deciso definitivamente di eliminarlo.

La doppia fotocamera sarà posizionata in verticale, avrà 3GB di memoria RAM e supporterà finalmente la ricarica wireless. Non ci sono, invece, novità sul fronte connettore, che rimarrà Lightning, così come sul fronte impermeabilità, visto che iPhone X rimarrà water resistant e non sarà water proof.

Apple Glasses

Già, prima o poi sarebbe toccato anche a loro. Se ne parlava già da un po', ma a quanto pare Apple vuole riuscire lì dove Google ha fallito. Il nome in codice del progetto è Mirrorshades (come la saga cyberpunk degli anni '80) e sono destinati a portare la realtà aumentata ad un nuovo livello. Le lenti sono progettate da Zeiss, mentre la montatura servirà sia da auricolare che da microfono a conduzione ossea, pur connettendo anche un accelerometro per il monitoraggio dei passi e del movimento della testa (con il quale sarà possibile navigare nelle UI delle app), una batteria Capacitive Pavel Ceramic e un circuito per la ricarica ad induzione.

Gli Apple Glasses dovrebbero usare un prisma che permetterà di convogliare le immagini sulle lenti NED che avranno una risoluzione di 428 x 240 pixel, mentre una delle due stanghette sarà dotata di una striscia capacitiva in grado di regolare il volume, accettare o rifiutare le chiamate e evocare Siri. Sembra che Apple stia lavorando anche per produrre lenti polarizzate e graduate. Il design degli occhiali sarà classico (sembra sia stato scelto il cosiddetto P3) e saranno disponibili in due misure, una per donna e una per uomo, nei colori Crystal, champagne e nero. Il costo di produzione si aggira attorno ai $150, ma saranno venduti a $600.

Ad ogni modo, sembra che Apple stia valutando ancora se far partire la produzione di massa oppure no, visto che le batterie sono molto difficili da produrre con le attuali tecnologie.

Altri dettagli

Apple non abbandonerà Lightning in favore di USB-C, né produrrà mai fitness band, tastiere wireless più grandi e retroilluminate o dispositivi IoT, visto che tutti i progetti in merito sono stati chiusi. Invece Apple TV dovrebbe ricevere un aggiornamento nel corso dell'anno e spero che abbia il supporto per il 4K HDR.

Cosa aspettarsi oggi

Molto probabilmente, solo alcuni di questi leak troveranno una conferma sul palco del keynote di oggi, come il Siri Speaker, lo speedbump di tutta la linea MacBook e forse il nuovo iPad Pro da 10.5" che, finalmente, dovrebbe guadagnare non solo un file manager nativo simile al Finder, ma anche il supporto di sistema al drag and drop fra app.

Tutto il resto, invece, sarà presentato nei prossimi mesi. Per scoprire cosa ci aspetta tra qualche ora, non mi resta che darvi appuntamento alle 18.30 con il nostro #SaggioMela.