Le tensioni tra Apple e Imagination Technologies crescono a un ritmo secondo solo a quello con cui s'intensifica la battaglia legale dell'azienda di Cupertino contro Qualcomm. Nella scorsa settimana si è assistito a un botta e risposta, che non lascia presagire nulla di buono sul fronte legale per il 2019, quando tutti i rapporti di collaborazione saranno cessati. Ma Apple non intende accontentarsi di sviluppare GPU in proprio. Vuole battere la quasi ex-partner sul suo stesso terreno fertile, procedendo a una fase ancor più aggressiva del "semplice" travaso di dipendenti.

Come riporta il Telegraph, la mela intende stabilire nel Regno Unito la sua base operativa per lo sviluppo dei chip grafici. Tuttavia non sarà Londra, contrariamente a quanto suggerito da vari rumor. La sede prescelta sarebbe nella cittadina di St Albans, affittando un complesso di poco più di 2.000 metri quadri. St Albans è nella contea dell'Hertfordshire, parte meridionale della Gran Bretagna, non eccessivamente lontano dalla capitale. Guarda caso, anche Kings Langley, dove ha sede Imagination Technologies, è nell'Hertfordshire. Nemmeno mezzora di macchina.

Sarebbe sciocco pensare a una coincidenza: la mossa è accuratamente studiata sia per ridurre i possibili disagi logistici degli ingegneri che hanno già cambiato o cambieranno casacca sia per aggiungere ulteriore pressione sulla sviluppatrice delle PowerVR oggi presenti nei SoC Ax. Quanto riportato dal Telegraph non è peraltro una mera indiscrezione. Apple ha già aperto numerose posizioni di lavoro nel South Hertfordshire, pressoché tutte dedicate allo sviluppo di hardware grafico. Alcuni giorni fa Maurizio scrisse che Apple si era presa il know-how di Imagination Technologies, insieme a dozzine di uomini chiave. Ora potrebbe prendersi persino il suo territorio fisico, effettuando di fatto sempre più una sorta di acquisizione per distruzione, piuttosto che per incorporazione.