Il leak del firmware di HomePod sembra confermare i rumor sul prossimo iPhone che si sono susseguiti negli scorsi mesi. Il buon Steve Troughton-Smith, sviluppatore che da tempo sul proprio account Twitter svela le novità legate alle future versioni di iOS analizzandone le versioni beta, ha infatti scoperto che nel sistema operativo dello speaker – derivato da quello di iPhone e iPad – si nascondono alcune prove ben precise sull'esistenza di FaceID, il sistema di riconoscimento facciale che dovrebbe soppiantare (o forse affiancarsi) al TouchID.

Sono presenti righe di codice che fanno riferimento tanto a "BKFaceDetect", un set di istruzioni che lo sviluppatore riconduce a un possibile "Biometric Kit", quanto a una fotocamera ad infrarossi che, secondo Gurman, dovrebbe rilevare la profondità del volto dell'utente e consentire il corretto funzionamento anche al buio.

Presunta grafica rimozione SIM iPhone 8, a destra l'immagine nel firmware di HomePod

D'altro canto, la dipartita del TouchID sembrerebbe confermata da un'immagine rinvenuta dallo stesso sviluppatore all'interno del firmware di HomePod, che raffigura chiaramente un iPhone senza bordi e senza sensore per la lettura delle impronte digitali. Vista l'ultima beta di iOS 11, che invita a posizionare il dito sul TouchID raffigurandolo al centro dello schermo, c'è chi sostiene che esso possa trovare posto sul retro dello smartphone e, quindi, coesistere con FaceID. A tutto ciò si aggiunga il recente leak del foglietto illustrativo di rimozione della SIM da iPhone 8, raffigurante lo stesso identico design.

Se tre indizi fanno una prova, direi che ormai è stato svelato quasi tutto sulle novità del prossimo smartphone di Apple. Ad ogni modo, continuo a sostenere che con queste scelte possa venir meno la comodità di sbloccare iPhone quando è appoggiato alla scrivania senza doverlo sollevare, a meno che in quel di Cupertino non abbiano trovato il modo per orientare la fotocamera frontale senza costringerci a contorsioni varie mentre lavoriamo...