All'IFA 2017 di Berlino Sony ha presentato una vasta serie di novità. In primo luogo troviamo gli smartphone Xperia XZ1 e XZ1 Compact che vanno ad aggiornare i modelli XZ rilasciati lo scorso anno. Tra le novità più importanti di questi terminali sono da segnalare il processore Snapdragon 835 ed un design rinnovato con scocca completamente in metallo. Inoltre questi saranno i primi terminali ad includere Android 8.0 Oreo sin dal lancio, come sistema operativo preinstallato. I due device ereditano dal modello XZ Premium la fotocamera Motion Eye con sensore da 19MPx e possibilità di girare video slow motion a 960fps. Manca tuttavia la stabilizzazione ottica dell'obiettivo.

Tra le novità assolute troviamo invece una modalità di scansione 3D, presente solo nel modello XZ1. Si tratta di una speciale funzionalità che permette alla fotocamera di raccogliere immagini 3D di un oggetto, che potranno poi essere condivise o inviate a una stampante 3D. Entrambi i dispositivi sono dotati di protezione IP68 agli agenti atmosferici e montano uno vetro Gorilla Glass 5 sui display, 5,2" HDR 1080p per XZ1 e 4,6" 720p per il modello più compatto. Nonostante il design degli smartphone Xperia sia riconoscibile e apprezzabile, Sony ha preferito per ora non andare nella direzione in cui sta andando il mercato, ovvero display dal rapporto di forma molto allungato e cornici ridotte al minimo indispensabile. Lo stesso discorso si può applicare anche riguardo i sistemi dual-camera. I dettagli commerciali seguiranno nel corso delle prossime settimane.

Ci sono novità anche per la fascia media, con l'arrivo dello smartphone XA1 Plus. Si colloca come via di mezzo tra i due modelli già usciti della serie, XA1 e XA1 Ultra, grazie al display da 5,5" Full HD. Il resto delle caratteristiche è sostanzialmente immutato. XA1 Plus è pilotato da una CPU MediaTek Helio P20, 3GB di RAM e 32GB di memoria interna. La fotocamera principale è da 23MPx con apertura f/2.0, la stessa che equipaggiava i "vecchi" top di gamma Xperia X; il sensore anteriore si ferma invece a 8MPx. Curiosamente, è presente una funzionalità di cui invece non dispongono i due prodotti cugini, ossia il riconoscimento delle impronte digitali. Anche in questo caso per i dettagli commerciali si dovrà attendere qualche settimana.

Un'altro prodotto lanciato dall'azienda giapponese consiste in un paio di auricolari in ear wireless e senza cavo ad unirli, in stile AirPods. La differenza sostanziale rispetto ai modelli di questo tipo che arrivano ogni giorno sul mercato è nella cancellazione attiva del rumore di cui questi WF-1000X sono dotati. Secondo Sony, possono garantire circa tre ore di ascolto musicale, che diventano nove grazie alle due ricariche complete che può fornire il case. Gli auricolari WF-1000X sono anche dotati di microfono per poter effettuare telefonate e debutteranno a settembre al prezzo – per il mercato USA – di $199,99.

A lato di questi auricolari "full-wireless", Sony ha presentato altri due modelli: WI-1000X e WH-1000XM2, anch'essi con cancellazione attiva del rumore. Il modello WI è dotato di un archetto da posizionare sul collo, dal quale fuoriescono gli auricolari. Il vantaggio sostanziale rispetto il modello WF è nell'autonomia, che qui tocca le 10 ore continuative; tuttavia, il prezzo sale a $299,99. Infine, le WH-1000XM2 sono la rinnovata versione delle cuffie MDR-1000X. Troviamo una cancellazione del rumore migliorata, non solo più performante ma anche più adattabile rispetto all'ambiente circostante, grazie al nuovo Sense Engine. In pratica, grazie a differenti impostazioni si potrà decidere quale tipo di rumori bloccare e quali far filtrare, come per esempio le voci. In aggiunta, Sony ha introdotto un'app che funge da equalizzatore per le nuove cuffie – funziona su tutti i modelli qui annunciati – adattabile a diversi scenari, simulando per esempio il riverbero di una stanza o una sala concerti. Le nuove WH-1000XM2 sono proposte ad un prezzo di $350, inferiore rispetto ai $400 (erano 430€ in Italia) di listino delle MDR-1000.

Sempre in ambito audio, non possiamo non citare il nuovo speaker Sony LF-S50G. A discapito del curioso nome, questo speaker è già stato ribattezzato come HomePod clone. Ed in effetti la somiglianza con l'HomePod – presentato ma non ancora rilasciato da Apple – sembra decisamente più che marginale. Il device presenta nella sua struttura cilindrica uno speaker full-range, un subwoofer e due diffusori omnidirezionali. Può essere accoppiato tramite Bluetooth, NFC e Wi-Fi. Ovviamente a differenza di HomePod qui non è presente Siri, col ruolo di assistente virtuale che sarà assunto da Google. LF-S50G sarà rilasciato ad ottobre a prezzo $199,99 e sicuramente non mancheranno di spuntare ovunque confronti non appena entrambi i device saranno sul mercato.