Parliamo spesso di Fujifilm, sia sulle nostre pagine che nel podcast dedicato alla fotografia, a volte perchè recensiamo delle fotocamere (è in arrivo il test della GFX-50S!) e ancora più spesso per parlare dei corposi aggiornamenti firmware ai quali la casa giapponese ci ha abituati. Oggi invece vi scriviamo in merito a quello che è stato soprannominato il "Fujikina".

Il primo prodotto presentato in data odierna è la fotocamera Fujifilm X-E3, erede della vecchia X-E2 rilasciata sul mercato ben 4 anni fa (escludendo il minimo update apportato dalla X-E2s). L'aggiornamento è pressoché completo questa volta, infatti è stato aggiornato il sensore, che ora va a pareggiare le ultime nate della serie X portando la risoluzione a 24,3MP, il processore di immagine è l'X-Processor Pro, la capacità video arriva a supportare la risoluzione 4K@30p. Resta invariato lo stile da rangefinder compatta ma sono stati apportati numerosi miglioramenti alle funzionalità, come l'aggiunta del joystick per la selezione del punto di fuoco o il display touchscreen. Su quest'ultimo ci sono anche delle nuove funzionalità personalizzabili basate sullo swipe verso i 4 lati e, finalmente, anche la possibilità di scegliere il punto di fuoco tramite trascinamento del dito sullo stesso quando si usa il mirino elettronico. La X-E3 è inoltre la prima macchina fotografica di Fujifilm ad introdurre il Bluetooth LE per un più rapido abbinamento con lo smartphone. Sono ancora molte le novità ed i miglioramenti apportati che ricoprono tutte le aree e non mancheremo di analizzarli quando la recensiremo in futuro. La Fujifilm X-E3 sarà disponibile da fine settembre al prezzo di 919,99€ per il solo corpo, 1329,99 in kit con il 18-55 f/2,8-4 e 1229,99 in kit con il 23mm f/2.

La seconda novità è l'obiettivo Fujinon XF80mm f/2.8 LM OIS WR Macro, nome lunghissimo per un'ottica molto attesa. L'80mm macro è un medio tele stabilizzato con ingrandimento 1:1, la focale equivale a 122mm in formato 35mm. Lo schema ottico è formato da 16 elementi in 12 gruppi inclusa una lente asferica, una lente Super ED e tre lenti ED per garantire massima risoluzione ed un fantastico effetto bokeh. Lo stabilizzatore d'immagine è accreditato di ben 5 STOP e il motore AF è di tipo lineare, veloce e silenzioso. L'obiettivo appartiene alla serie WR quindi è resistente a polvere e agenti atmosferici ed è inoltre anche freeze Proof fino a -10°C. Sarà disponibile al pubblico a partire da novembre 2017 al prezzo suggerito di 1349,99€.

Presentato anche un nuovo obiettivo, il sesto, per la medio formato di Fujifilm, il Fujinon GF45mm f/2.8 WR.  Il design è compatto e leggero (490g) ma allo stesso tempo capace di resistere agli agenti atmosferici, alle infiltrazioni di polvere e alle temperature sotto lo zero (fino a -10°C). Lo schema ottico è composto da 11 elementi in 8 gruppi, compresa una lente asferica e due lenti ED, che rendono questo 45mm un obiettivo dall'elevato potere risolvente e riducono le aberrazioni cromatiche e i flare. Anche questo sarà commercializzato a partire da novembre 2017 al prezzo consigliato di 1835€.

Fanno parte dell'annuncio odierno anche la presentazione delle roadmap per gli obiettivi con attacco X e con attacco G (medio formato), la presentazione del software Fujifilm X RAW Studio e dei nuovi firmware. Procediamo con ordine: le roadmap mostrano il programma di sviluppo degli obiettivi Fujinon per il prossimo futuro. Fra i più interessanti notiamo lo zoom ultragrandangolare 8-16mm f/2.8 (12-24mm eq. 35mm) e il teleobiettivo XF200mm f/2 stabilizzato, entrambi con attacco X e previsti per il 2018, mentre sul versante medio formato possiamo segnalare l'arrivo del 250mm f/4 stabilizzato e del tele converter 1,4x. Passando alle cose "immateriali", Fujifilm ha annunciato anche il software per lo sviluppo dei file RAW Fujifilm X RAW Studio che permetterà di convertire i file RAW tramite il processore d'immagine X-Processor Pro presente nelle fotocamere invece di utilizzare le risorse del PC, garantendo una qualità d'immagine superiore (è necessaria la connessione USB alla macchina fotografica). Il software sarà disponibile per Mac da novembre 2017 e per PC Windows da gennaio 2018 e richiederà un firmware aggiornato all'ultima versione per le macchine fotografiche interessate (X-T2, X-Pro2, X-100F e GFX 50S). Passiamo infine agli aggiornamenti firmware gratuiti. La X-Pro2 grazie al firmware 4.00 (in arrivo a dicembre) guadagnerà il modo di ripresa 4K, lo scatto tethered USB e Wi-Fi, il nuovo algoritmo per l'inseguimento AF oltre che miglioramenti minori. La X-T2 verrà aggiornata a novembre alla versione 3.00 ottenendo stessi miglioramenti su AF tracking ed implementazioni con l'uso di Flash radio. La X-T20 guadagnerà con il firmware 1.10 di novembre la possibilità di mettere a fuoco tramite touchscreen anche quando si utilizza il mirino elettronico (ne avevo parlato nella mia recensione). Aggiornamento anche per la X-100F a dicembre, che arriva alla versione 2.00 e guadagna il supporto per il backup e ripristino delle impostazioni tramite il software Fujifilm X Acquire, il supporto al software Fujifilm X Raw Studio e i miglioramenti per la gestione dei flash radio controllati; questi miglioramenti sono integrati anche in tutti gli altri firmware ad eccezione della X-T20.

Fujifilm si conferma solida sulla sua strategia Kaizen (miglioramento continuo) e supporta egregiamente i propri clienti sia con nuovi prodotti che con aggiornamenti sostanziosi dei prodotti già immessi sul mercato. Non a caso è uno dei marchi preferiti dai fotografi che passano da un sistema Reflex ad uno Mirrorless.