macos-high-sierra

Il tempo dei 32-bit sta per finire del tutto anche su macOS. Vero, suona strano a sentirlo: non è già finito da un pezzo? Tutti i Mac dal 2007 in poi hanno una CPU Intel a 64-bit e da Lion è supportata solo tale architettura per l'installazione. Le applicazioni a 32-bit vanno ancora però, almeno quelle prive di particolari incompatibilità con le nuove versioni del sistema operativo, ed è ad esse che si riferisce Apple. Lo scorso giugno, alla WWDC 2017, era stato annunciato che High Sierra sarebbe stata l'ultima release di macOS a supportare le app solo a 32-bit. Da questo gennaio sull'App Store tutti i nuovi ingressi devono essere a 64-bit; da giugno l'obbligo si estenderà anche agli aggiornamenti, in vista di macOS 10.14 che non potrà eseguire software a 32-bit senza non ancora meglio specificati compromessi. Con la Beta 1 della 10.13.4 rilasciata stasera, Apple ha introdotto un sistema di avvisi simile a quello che è stato presente in iOS dalla 10.1 sino alla 11. Alla prima apertura di un'app a 32-bit, sarà segnalato il futuro rischio d'incompatibilità. Tanto gli utenti quanto gli sviluppatori dovranno dunque valutare il da farsi in base alle proprie esigenze, gestendo la transizione in modo ottimale.