Nella nottata Apple ha annunciato i risultati fiscali del Q1 2018, corrispondente all’ultimo trimestre del 2017, fiscalmente terminante il 30 dicembre scorso. Se negli ultimi trimestri ci siamo trovati davanti ad un andamento altalenante – mai negativo in termini assoluti, sia chiaro – questa volta i numeri sono tutti a favore della società di Cupertino. Ci troviamo infatti davanti al trimestre migliore di sempre, con incrementi molto spesso a doppia cifra.

I ricavi sono stati calcolati in $88.3 miliardi, in incremento del 13% rispetto lo stesso trimestre del 2017, che per la verità era composto da una settimana in più, rendendo così la crescita effettiva nel Q1 2018 ancora superiore. I guadagni netti si contano in poco più di $20 miliardi, in crescita rispetto i $17.9 dell’anno precedente. Tutti i segmenti geografici analizzati raccolgono incrementi a doppia cifra nei ricavi, come è possibile vedere qui sotto, nel data summary messo a disposizione dalla società.

Come di consueto il grosso dei guadagni è generato da iPhone, che detiene ancora il 70% delle entrate nette di Apple. Al secondo posto, con il 10%, non troviamo una storica categoria di prodotto come Mac (8%) o iPad (7%), ma quella dei servizi. Tim Cook ci ha tenuto ha precisare che il solo segmento dei servizi – per lo più composto da App Store, Apple Music ed Apple Pay – muove il capitale di un’azienda quotata tra le Fortune Top 100.

iPhone X, la vera incognita di questo trimestre, ha venduto oltre le aspettative – sempre secondo le dichiarazioni del CEO. Se guardiamo ai numeri il segmento iPhone ha venduto globalmente come lo scorso anno, con una flessione minima nell’ordine di un punto percentuale. I ricavi relativi sono però cresciuti del 13%, segno che il prodotto di punta, iPhone X appunto, starebbe effettivamente vendendo bene. Sono state distribuite oltre 77 milioni di unità di iPhone (tutti i modelli). I risultati di iPad sono positivi, ed in questo caso anche in termini di unità vendute, seppur solo con un 1% di crescita, che diventa un più generoso 6% guardando ai ricavi. Cala il segmento Mac, –5% sia in termini di unità che di ricavi. Come siamo abituati da un po’ di tempo a questa parte, rileviamo ottimi risultati per il settore dei servizi (+18%) e quello Altri Prodotti(+36%), in cui troviamo tra gli altri AirPods, Apple Watch, iPod, Apple TV, i prodotti Beats e dal prossimo trimestre fiscale anche HomePod.

Tra gli altri dati e novità snocciolate nel corso della call tenuta da Tim Cook e dal CFO Luca Maestri, troviamo i positivi risultati di vendita di Apple Watch Series 3, che ha totalizzato oltre il doppio di unità vendute rispetto la Series 2. Apple ha poi dichiarato di avere il più grande numero di utenti attivi mai registrato: 1.3 miliardi, segno di un’ottima fidelizzazione della clientela. È infine stato annunciato lo sbarco imminente di Apple Pay in Brasile.