L'Italia è un fanalino di coda per la Banda Larga secondo la EU

A rincarare la dose sullo stato — pessimo — della Banda Larga in Italia, arriva un rapporto della Commissione Europea sull'accesso alla Banda Larga in Europa.

Anche raffrontata alla media europea, l'Italia occupa le parti basse della classifica. Vicina alla Croazia, ma lontanissima dall'Olanda, dalla Germania, dalla Svezia e dagli altri paesi maggiormente informatizzati (o civilizzati?).

Dove si trova Italia rispetto alla media degli altri paesi europei in quanto a banda larga?

Ma la cosa peggiore del nostro paese e che rispetto alla già bassa diffusione delle connessioni internet, abbiamo uno dei più alti coefficienti di linee con velocità inferiori ai 144kbit/s. Contribuendo ad abbassare la media europea.

La Spagna, che per dire la verità non naviga in acque migliori delle nostre, ha dichiarato che la banda sta per entrare nel novero dei diritti/doveri previsti dal Servizio Universale.

E dalle nostre parti? Solo dai titoli di alcuni dei miei ultimi post potete rendervene conto (sono in ordine cronologico):

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.