Molti degli articoli che ho pubblicato sul Blog sono dedicati al come si fa, oppure contengono consigli e suggerimenti utili (tips). Oggi voglio andare un po' oltre, spiegandovi come fare da voi una applicazione per la barra degli strumenti del Finder, che mostra (e nasconde) i file non visibili. Attenzione però: visualizzare i file nascosti è utile in moltissimi casi, ma chiaramente lo sconsiglio a chi non conosce bene il Mac, perché si rischia di cancellare alcuni file utili (.DS_store / .localized / ecc).

Non spaventatevi, come sempre sarà tutto spiegato in modo semplice.

Iniziamo aprendo il programma Applicazioni/Utility/AppleScript Editor. Al suo interno incollate il seguente codice: (le righe che iniziano con -- sono commenti)

-- prova
try
	-- prende il parametro
	set toggle to do shell script "defaults read com.apple.finder AppleShowAllFiles"
	-- verifica lo stato per effettuare il toggle
	if toggle = "YES" or toggle = "ON" then
		do shell script "defaults write com.apple.finder AppleShowAllFiles NO"
	else
		do shell script "defaults write com.apple.finder AppleShowAllFiles YES"
	end if
	-- riavvia finder
	do shell script "killall Finder"
	-- in caso di errore
on error
	do shell script "defaults write com.apple.finder AppleShowAllFiles YES"
	-- riavvia finder
	do shell script "killall Finder"
end try

Come potete vedere, lo script si occupa di leggere la condizione attuale del parametro che identifica se i file nascosti sono visibili o meno (AppleShowAllFiles) e successivamente lo porta nella condizione opposta (se è su YES lo porta su NO e viceversa). Al termine è necessario riavviare il Finder per vedere le modifiche, utilizzando "killall Finder".

La sintassi try / on error / end try, letteralmente "prova" ad eseguire un comando e se genera errore ne esegue un altro. Mentre do shell esegue una linea di comando del terminale. if .. then / else / end if, servono per verificare una condizione (if=se) ed eventualmente (then=allora) eseguire un comando. Mentre se la condizione è falsa (else=altrimenti) si esegue un comando differente.

Verifichiamo se lo script funziona premendo sul tasto play:

eseguire apple script per visualizzare i file nascosti

Se tutto va come dovrebbe, vedrete il Finder riavviarsi e mostrare ora i file nascosti. Anche sul desktop troverete numerose icone che prima non vedevate. Ripremete play per ripristinare la situazione precedente.

Ora, come possiamo trasformare questo script per farlo diventare una icona nella nostra barra degli strumenti?

Iniziamo con il salvarlo come applicazione:

salvare uno script come fosse una applicazione

  1. Archivio / Registra col nome..
  2. Formato documento: Applicazione
  3. Abilitate l'Opzione: Esegui soltanto
  4. Salvate con un nome a piacere (consiglio toggle.hidden.app) nella cartella Applicazioni

A questo punto avrete una Applicazione che lanciata attiva o disattiva la visualizzazione dei file nascosti.

Scaricate il kit ToggleHidden e troverete il file script originale (da aprire e salvare in .app) e una icona in formato .png. A questo punto utilizzate l'ultimo punto di questa guida per applicare sull'applicazione salvata, l'icona a forma di pulsante del Finder.

Al termine basterà trascinare toggle.hidden.app, dalla cartella applicazioni nella posizione che desiderate sulla barra del Finder. Ecco il risultato:

toggle.hidden pulsante per abilitare file nascosti nella barra del finder

Alla prossima!

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.