Apple Hardware Test verifica il funzionamento dei componenti del Mac

Ieri il mio SuperDrive del MacBook Pro dava i numeri. Ho provato a masterizzare un DVD dati con Toast e mi usciva un errore prima ancora di iniziare a scrivere. Ho provato con Burn: stessa cosa. Infine ho tentato anche tramite una cartella di masterizzazione del Finder. Sempre il medesimo errore. Ho riavviato, ho eseguito qualche test, ma tutto sembrava in ordine. Eppure non riuscivo ad usare il SuperDrive per scrivere, mentre invece in lettura andava tranquillamente. Dopo aver tentato anche con diversi supporti ottici vergini, anche di diverse marche, mi ero rassegnato ad avere un problema Hardware.

In questi casi la prima cosa da fare è eseguire l'AHT (Apple Hardware Test). Tutti i Mac ce l'hanno, ma molti neanche ne sono a conoscenza. Per i Mac Intel, basta prendete i DVD che sono arrivati con il computer ed individuare quello che riporta questa dicitura:

Apple Hardware Test

Una volta inserito il DVD nel SuperDrive, si deve riavviare e si tenere premuto il tasto D subito dopo il classico suono d'avvio. L'AHT partirà e si vedrà sullo schermo questo indicatore di progressione:

AppleHardwareTestDisc

Al termine del caricamento si deve scegliere la lingua e poi si è pronti per il Test.

AppleHardwareTest Problemi Mac

Muovendoci sui tab in alto si può accedere alle informazioni sull'hardware. Qualcosa di molto simile a ciò che si ottiene con System Profiler. Cliccando su Test partirà la verifica di tutto l'hardware, mentre attivando anche il check inferiore si può eseguire un controllo più approfondito (di solito basta il primo livello per riscontrare problemi).

Dopo pochi minuti il Test termina, per fortuna niente di rotto.

Scongiurato il peggio ho capito che il problema andava ricercato altrove. Ho poi risolto in modo semplicissimo, vi spiegherò come nel prossimo articolo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram