Possibili problemi derivanti dall'aggiornamento a OS X 10.6.3

problemi aggiornamento snow leopard 10.6.3A distanza di qualche giorno dall'uscita dell'aggiornamento di OS X alla versione 10.6.3, facciamo un rapido resoconto.

Tra le note positive segnalo dalla mia esperienza un paio di cose:

  • maggiore stabilità di QuickTime X (che prima crashava molto spesso ed ora meno)
  • maggiore reattività degli effetti grafici del Finder e di Exposé (che appaiono più reattivi)

Però molti utenti mi hanno segnalato via email un eccessivo aumento della temperature della CPU (potete monitorarla con iStatMenu volendo). Questo problema è quasi sicuramente dovuto al fatto che dopo l'aggiornamento il servizio che lavora in background per far funzionare SpotLight (tale mdworker) effettua una completa reindicizzazione dei files. L'operazione è segnalata da un pallino lampeggiante all'interno della lente di ingrandimento di SpotLight e dovrebbe però concludersi in poche ore. Tuttavia sul mio MacBook Pro è terminata dopo circa 36 ore. Insomma, non allarmatevi se è successo anche a voi, dopo un paio di giorni dovrebbe tornare tutto alla normalità. Tuttavia se le temperature superano i 90° è consigliabile installare FanControl (freeware) per dare una maggiore spinta alle ventole (vi sembrerà di volare).

Altro problema viene invece segnalato oggi da HardMac. In alcuni casi QuickTime X non riesce più a riprodurre l'audio dei filmati mpeg. Pare non sia un problema molto diffuso, ma se dovesse succedervi potete risolvere scaricando la vecchia versione 10.6.2 e localizzando all'interno del pacchetto il file "QuickTimeMPEG.component", che dovrete poi sostituire a quello che già avrete nella posizione "System/Library/QuickTime/".

In ultimo una nota curiosa: se attivate il Finder e scegliete dall'omonimo menu "Informazioni sul Finder", vedrete che riporta erroneamente 10.6.4 invece di 10.6.3.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.