XEE: il visualizzatore di immagini perfetto per gli ex utenti Windows

È inutile, per quanto io cerchi di suggerire l'utilizzo di strumenti come QuickLook, Anteprima e CoverFlow, continuo a ricevere richieste per visualizzatori di immagini (free) che abbiano i fantomatici tasti "avanti" e "indietro", tipici di Windows.

Giusto per completezza ripeto che io non ne vedo la necessità perché su Mac si può:

  • attivare QuickLook e scorrere con i tasti freccia
  • inviare tutte le immagini ad Anteprima (di norma basta cmd+A e poi cmd+O)
  • passare alla visualizzazione CoverFlow del Finder ingrandendo le anteprima alla dimensione desiderata

Comunque, una applicazione ch risponde a questa specifica necessità (che a quanto pare è più un'abitudine di quelle "dure a morire") c'è XEE.

L'applicazione si può usare in differenti modi. La cosa più semplice è metterla nel Dock e trascinare su un'immagine. Da lì in poi si possono usare i tasti avanti ed indietro, che pescheranno le relative immagini nella stessa cartella di quella visualizzata.

visualizzatore immagini free per Mac

usare xee al posto di anteprimaSe poi deciderete di eleggerlo a sostituto di Anteprima, potrete selezionare un'immagine (supponiamo una jpg) ed attivare il pannello informazioni (cmd+I). Da qui selezionare apri con XEE e poi "modifica tutto". L'operazione è totalmente reversibile rimettendo Anteprima come applicazione predefinita, ma va ripetuta per ogni formato di file che vorrete associare a XEE (ad esempio TIFF).

È anche possibile usare RCDefault per modificare le associazioni estensione/programma in modo più veloce.

XEE ha molte funzioni, ma non supporta le gesture del trackpad multitouch e non modifica le immagini, se non nella rotazione. Quindi niente taglio, ridimensionamento ed aggiunta di frecce, note, etc.. come fa Anteprima.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram