Come ritagliare una SIM per farla diventare una MicroSIM, compatibile con iPad 3G ed iPhone 4

L'iPad l'ho scelto solo WiFi per via del fatto che uso la connessione dati dell'iPhone, così ho rimandato il problema della MicroSIM. Ora però anche il nuovo iPhone 4 supporta le stesse schede ed il mio gestore telefonico (WIND) non vendendo il cellulare Apple, non si è ancora prodigato per adottare questo nuovo standard.

Trasformare una SIM standard in una MicroSIM non è poi un'operazione troppo complicata, basta tagliare qua e la la plastica in eccesso. Pertanto ho deciso di esercitarmi con una scheda della tre che al momento non uso, per vedere se dopo il taglio continua a funzionare regolarmente. Ad ogni modo, sia che si decida di "tagliare" la propria scheda, sia se il proprio gestore telefonico abbia previsto il programma di sostituzione gratuito, vi potrebbe poi servire un adattatore. Questo perché una volta ottenuta la MicroSIM per l'iPhone 4 o iPad 3G, ci potremmo trovare nella spiacevole condizione, in caso di necessità, di non poter installare la nostra scheda su altri telefoni... almeno finché anche il resto del mercato si sposterà verso il nuovo standard.

L'adattatore, che di per sé è uno schifosissimo pezzetto di plastica, si trova ormai piuttosto facilmente. Io l'ho preso su microsim-shop.com per 5,99€ spedizione compresa (circa 7gg). Oggi è arrivato e vi faccio vedere come si taglia la scheda con il semplice uso di forbici da lavoro.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.