Gatto Matto: un gioco di destrezza per iPhone politicamente scorretto

Forse le app per iPhone che hanno maggior successo, sono quelle originali e divertenti. Nella categoria intrattenimento ve ne sono molte che stuzzicano la nostra intelligenza, alcune sono delle vere e proprie palestre per la mente, con test e valutazione del rendimento. Tutte queste app però hanno la caratteristica di essere molto schematiche e, capito il meccanismo, è facile fare progressi ed ottenere punteggi maggiori. D'altronde il loro scopo a lungo termine è proprio quello di dare soddisfazione all'utilizzatore, restituendo la sensazione di un progressivo miglioramento. E per questo che io le definisco politicamente corrette.

Dopo aver intervistato qualche tempo fa Giulio Giorgetti, mi sono accorto che il suo Gatto Matto (0,79€), spopolava nelle classifiche italiane dell'App Store. Così mi sono deciso a provarla. Dopo essersi velocemente presentato, il Gatto inizia a farci dei test molto semplici, come il seguente:

gatto matto

e noi pensiamo: troppo facile! Ma di lì a poco però le cose si complicano. Non solo i test diventano più complicati, ma l'animaletto baffuto comincia a tirarci sinistri tranelli. La grafica in stile cartoon è molto semplice, ma non ci se ne cura, perché si è totalmente impegnati a non farsi fregare! E quando succede (e vi succederà!) il gatto sale in cattedra con un fastidioso ghigno a prenderci in giro:

gatto matto

Ma non vale! Esclamerete...

La mia prima reazione è stata quella di chiuderlo e metterlo da parte. Un Gatto così politicamente scorretto non l'avevo mai visto! Eppure la curiosità sale. La voglia di riuscire a farla franca è tanta e diventa una sfida. Così dopo poco si riprende l'iPhone con un piglio fermo e deciso: "questa volta ti frego!".

Ma ahimé, non andrà così neanche questa volta. Certo risponderete a qualche domanda in più, ma la successiva vi spiazzerà. È questo il bello di Gatto Matto: è un'app irriverente e non compiacente. È una sfida tra voi e quel maledettaccio di un gatto!

Da provare... ecco il link App Store.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram