Tips: modificare un file protetto con TextEdit

Ci sono alcune applicazioni, come il gratuito Smultron (ora Fraise) che hanno una comoda funzione integrata che permette di accedere ai file nascosti e di modificarli previa autenticazione. Questo di oggi è un trucco che però è bene conoscere per capire come ragiona OS X e perché potrebbe tornarvi utile in alcune situazioni di emergenza.

I motivi per cui ci si può trovare a dover editare un file contenuto nelle cartelle di sistema sono molti. Ipotizziamo ad esempio di dover modificare il file hosts per inserire una personalizzazione sul DNS. Il file in questione si trova nella cartella /private/etc, normalmente non visibile. Il primo scoglio è dunque rappresentato dal riuscire a raggiungerlo. Tempo fa vi ho spiegato come creare da soli un pulsante per attivare la visualizzazione dei file nascosti (ToggleHidden). Potete usare quello o, più semplicemente, aprire il Finder ed usare la combinazione di tasti cmd+shift+G (vai alla cartella..). Si aprirà una piccola finestrella dove potrete inserire il percorso indicato.

vai alla cartella

Ricordate che questa finestrella si comporta in modo molto simile al Terminale, quindi potrete anche usare il tasto tab per il completamento, come spiegato nelle puntate 17 e 19 del podcast.

Dopo aver premuto il tasto invio, vi troverete nella cartella dove è localizzato il file in questione. Provandolo ad aprire con TextEdit non avrete nessun problema, ma se tenterete di salvarlo otterrete questo messaggio:

modificare hosts

L'alert suggerisce di modificare i permessi del file. L'operazione è possibile, ma se non sapete come eseguirla e avete timore di creare problemi esiste una soluzione più immediata. Finché il file è nella cartella protetta ha dei permessi, ma nel momento in cui lo sposterete sul desktop (e noterete che l'unica operazione consentita sarà la copia) il file risultante avrà permessi leggermente diversi e potrete regolarmente aprirlo, modificarlo e salvarlo.

copia hosts

A questo punto ecco la semplice magia: trascinando il nuovo file modificato dal desktop alla cartella /private/etc, il Finder vi chiederà di autenticarvi per la modifica e, dopo l'inserimento di user e password amministrative, vi farà sostituire il vecchio file con il nuovo:

autenticazione

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.