Tips: Screensaver sul desktop, risorse sprecate?

Sicuramente già saprete che esiste un piccolo trucchetto per portare lo screensaver come sfondo della scrivania del Mac. Si tratta di una di quelle caratteristiche curiose che più o meno tutti quelli che lavorano con il Mac conoscono, ma che poi in fondo non usa nessuno. L'effetto (a seconda della tipologia scelta) può essere piacevole, ma l'inutile spreco di risorse è fastidioso. Tuttavia i computer diventano sempre più potenti e quindi a distanza di qualche anno oggi ho voluto riprovare per verificare quanto effettivamente incide sulle performance.

In primo luogo vediamo come attivare l'effetto. Scegliete da Preferenze di Sistema / Scrivania e Salvaschermo quello che preferite. Io ho lasciato "raffica" che mi piace molto per pulizia e lascia ben visibili le icone donando tuttavia un tocco di colore e movimento. A questo punto chiudete le preferenze (altrimenti potrebbe generarsi un errore), aprite il Terminale ed incollate il seguente testo:

/System/Library/Frameworks/ScreenSaver.framework/Resources/ScreenSaverEngine.app/Contents/MacOS/ScreenSaverEngine -background &

Fate attenzione al numero che vedrete apparire nella riga successiva. Si chiama PID ed è l'identificativo del processo avviato che servirà per stopparlo. L'effetto sarà già visibile:

screensaver sullo sfondo

Dando un'occhiata ai processi il WindowServer sale dal 3/4% in stato normale al 15%. E questo più o meno con tutti i salvaschermi predefiniti del Mac. Ovviamente installandole di nuovi (come questi gratuiti) alcuni potrebbero richiedere più risorse.

Per interrompere la riproduzione io trovo pratico accedere al Terminale e digitare:

kill PID

Sostituite a PID il numero che vi è stato restituito al momento dell'attivazione e che vi avevo detto di memorizzare.

Ora il punto è si può usare? Sinceramente non crea grossi problemi, specie con macchine moderne e performanti, tuttavia come detto precedentemente si conferma un inutile spreco di risorse. Ma ci scommetto che voi come me, terrete da parte le informazioni per attivarlo. L'utilizzo pratico? Nessuno, se non forse quello di divertire qualche amico.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.