OWC risolve i problemi di kernel panic da ibernazione sugli SSD

Ecco quella che si dice una buona notizia. OWC ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento firmware che permette di risolvere, a quanto pare definitivamente, i noti problemi legati al risveglio dall'ibernazione.

Il tool è sempre per Windows finché SandForce (che ha costruito il controller) non si deciderà a fornire uno strumento nativo per Mac. Ciò significa che molti utenti non avranno purtroppo questa possibilità. Tuttavia funziona con BootCamp a patto di avere l'SSD su una porta SATA interna e che questo non sia il volume di avvio. Cosa non certo semplice per MacBook e iMac, ma che su un Mac Pro ad esempio dovrebbe essere fattibile.

Il disco inoltre deve essere inizializzato con MBR (Master Boot Record), per cui sarà necessario un backup completo di tutti i dati prima di proseguire (visto che per l'OS è necessaria invece la mappa partizioni Apple). Insomma, l'operazione complessivamente sembra piuttosto ardua su Mac, molto più semplice se avete a disposizione da un amico/parente un PC con Windows (qui una sana risata dei fan Microsoft ci sta tutta).

Maggiori dettagli sul nuovo firmware e la procedura di aggiornamento li trovate a questa pagina. Appena avrò modo di fare un backup completo, provvederò ad eseguire la procedura con il Mac Pro e vi farò sapere. Ma considerando che devo anche installare bootcamp ci vorrà un po'.

owc

Inoltre tutti i dischi spediti dal precedente venerdì, arriveranno già dotati del nuovo firmware. Speriamo sia veramente risolutivo perché se non fosse per questo il Mercury Extreme Pro è veramente un disco superbo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.