Da MobileMe a iCloud: attenzione a quella email...

La transizione da MobileMe a iCloud non è ancora incominciata, del resto è prevista per l'autunno. Tuttavia, per i malintenzionati ogni momento è buono per fare una transAzione ai danni della vittima di turno. E in questo caso anche la sopraccitata transizione è oggetto di attenzioni particolari, come rivela MacRumors.

La sostanza della email è semplice: si è invitati a fare il passaggio a iCloud, affermando che l'abbonamento viene automaticamente prorogato fino al 31 luglio 2012. Premendo sul sedicente pulsante di aggiornamento, il risultato è il seguente:

Una pagina molto simile a quelle ufficiali di Apple in cui si chiedono dati della carta di credito e credenziali di accesso all'Apple Store. Ma è solo una truffa.

In primis, Apple usa di solito una email contenente apple.com per le comunicazioni. Inoltre, è facile notare incongruenze nella email: il servizio viene descritto come automaticamente prorogato fino al 31 luglio 2012. Peccato che in realtà la scadenza per le funzioni di MobileMe sia un mese prima, il 30 giugno. E che il vecchio abbonamento di MobileMe è già stato automaticamente prorogato a quella data, senza alcuna richiesta di passaggio a iCloud. Insomma, non è ancora il tempo per la transizione e non si deve pagare alcunché.

Al momento la email è solo in inglese, ma sapendo come l'Italia è comunque un bersaglio piuttosto gettonato per il phishing è bene stare attenti a un prossimo arrivo di messaggi localizzati. La transizione avverrà a partire da quando Apple lo comunicherà ufficialmente. Fino ad allora... Lontani dalle truffe!

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.