Apple TV 3G: più potente ma single core, tanto alla fine è solo un extender

Di solito è iFixit a smontare per primo i vari gadget tecnologici. Così è stato anche per l'iPad di terza generazione, anche se ciò non ha portato a nessuna "scoperta" degna di nota (e di conseguenza nessun articolo su SaggiaMente). Il fatto è che già si sapeva quasi tutto, compreso clock e quantitativo di RAM. Più curiosa è invece la vicenda dello smontaggio della Apple TV 3G, anche perché, per una volta, non sono i soliti noti a realizzarlo ma un utente del forum XBMC.org, nato intorno al famoso media center.

Dopo che MacRumors ha segnalato la notizia inserendo un link al sito del forum, il server è andato rapidamente in saturazione ed ora le pagine non sono consultabili. Tuttavia le informazioni più importanti sono ormai reperibili, compresa questa foto della piastra madre con il SoC A5 in evidenza.

apple_tv_3_board

L'Apple TV 2G montava un A4, come il primo iPad e l'iPhone 4, ma questo A5 non è esattamente come quello dell'iPad 2 o dell'iPhone 4S. Come la stessa Apple chiarisce nella pagina delle specifiche, il cuore della Apple TV 3G è un single core e non dual core.

A5

Ne abbiamo già parlato nel nostro live audio durante l'evento di presentazione, ma questa scelta non fa altro che sottolineare una precisa visione da parte di Apple, che inquadra la Apple TV come un extender di Mac ed iDevices e non come la consolle di gioco che i soliti rumor continuano a propinarci. Forse in futuro le cose cambieranno, ma per il momento nella visione di Cupertino sono iPhone, iPad ed anche i Mac con Mountain Lion ed AirPlay Mirroring, che producono il contenuto audio/video e la Apple TV è semplicemente il mezzo per arrivare facilmente sul grande schermo, senza fili e complicazioni.

Interessante anche il raddoppio della RAM, da 256MB a 512MB, mentre la memoria interna rimane sempre da 8GB, per cui rimarrà sempre una periferica destinata allo streaming e non all'archiviazione (ma anche questo è ormai scontato).

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.