Mac OS X e notifiche: Growl, Growl Fork e Hiss, cosa scegliere?

Growl è da sempre una delle applicazioni più note e diffuse in ambiente Mac. In realtà fa più o meno quello che il Centro Notifiche di Mountain Lion ci farà avere nativamente sul futuro OS X ma, per il momento, su Lion, è la soluzione di riferimento. Con l'arrivo del Mac App Store è stata rilasciata la 1.3 compatibile con Lion e resa a pagamento per 1,59€, una piccola cifra da pagare per un servizio utilissimo. La precedente release, nativamente compatibile fino a Snow Leopard, è rimasta però open-source e lo sviluppatore Perry Metzger l'ha ripresa ed ottimizzata rilasciando Growl Fork, la quale supporta Lion ma non Snow Leopard.

In sostanza la situazione attuale è questa:

Io ho preso la versione a pagamento appena uscita ed era scarsamente supportata e non del tutto stabile. Al momento la situazione è migliorata e non c'è dubbio che gli sviluppatori meritino quella piccola spesa dopo anni di lavoro open-source e gratuito per la comunità. Tuttavia in questo momento di transizione, in attesa di vedere gli sviluppi del centro notifiche di Mountain Lion e per avere maggiore retro-compatibilità, Growl Fork può essere una migliore soluzione.

Vi ricordo anche la presenza del plugin Hiss, il quale inoltra al centro notifiche anche le segnalazioni provenienti da software esterni al Mac App Store, i quali per le politiche Apple non potranno dialogare nativamente con la nuova funzionalità integrata in Mountain Lion.

growl-fork-07-649x535

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram