Google mostrerà il futuro di Maps il 6 giugno: la miglior difesa è l'attacco?

La guerra Apple-Google sembra aumentare i suoi fronti giorno dopo giorno. Ormai pare solo questione di poco tempo affinché le mappe diventino il prossimo terreno di battaglia tra le due aziende. E se nel frattempo a Cupertino preparano la nuova app Mappe in iOS 6, dall'altra parte a Mountain View stanno per svelare la "prossima dimensione" di Google Maps.

Durante l'evento, che si svolgerà mercoledì 6 giugno nella mattinata americana, Google svelerà ciò che ha in serbo per il suo servizio, con un viaggio "dietro le quinte" e dimostrazioni pratiche delle nuove funzionalità, le quali a detta dell'azienda aiuteranno ancor più le persone ad arrivare dove vogliono, virtualmente e fisicamente. Il fatto che si citi "sneak peek" fa ipotizzare a un rilascio non immediato di ciò che verrà presentato, quantomeno in versione definitiva. Probabile, quindi, il lancio di una Beta dedicata in cui far maturare le features prima di integrarle col servizio attuale.

Considerato che nel nome dell'invito si parla esplicitamente di una nuova dimensione per Google Maps, viene da pensare che pure Page e soci stiano puntando sulle tecnologie 3D per creare mappe sempre più realistiche e ricche di dettaglio, che portino gli utenti a intraprendere veri e propri tour virtuali. Difficilmente risulta una coincidenza scegliere la settimana precedente al WWDC 2012 per presentare le novità, e se la novità principale sarà proprio quella che abbiamo ipotizzato, su cui Apple sta lavorando da diverso tempo anche grazie ad alcune acquisizioni mirate, due indizi inizierebbero ad avere odore di prova. Come si suol dire, la miglior difesa è l'attacco: questo vale anche per Google? Meno di una settimana per scoprirlo.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.