Recensione: guscio rigido per iPhone Piquadro Blue square (edizione Olimpiadi)

Con le di Olimpiadi ancora nell'aria, abbiamo provato una simpatica custodia per iPhone 4/4S realizzata da Piquadro. Si tratta di un classico guscio che si distingue per la cura e la qualità dei materiali tipici dall'apprezzato brand italiano.

piquadro-bluesquare-interno

L'interno è costituito da un materiale liscio, molto morbido al tatto per limitare al minimo la possibilità di abrasioni con il vetro dell'iPhone. Il logo Piquadro e la cornice della cover sono di un bellissimo azzurro accesso, che è poi il colore ufficiale del brand. L'incastro con il cellulare è molto semplice e il bordo della cornice arriva quasi esattamente all'altezza del vetro frontale. In sostanza i bordi sono protetti ma sarà comunque utile una pellicola frontale per completare la protezione.

piuadro-iphone4s

La compatibilità è perfetta sia con l'iPhone 4S (sopra) che con il 4 (sotto):

piuadro-iphone4

Il retro è realizzato in pelle ed è disponibile in svariati colori, noi abbiamo provato l'edizione limitata dedicata a Londra 2012, decorata con i colori ed il logo delle Olimpiadi; oltre, naturalmente, al brand Piquadro. La base è di un color bianco panna che, a nostro parere, si sposa meglio con lo smartphone di colore nero.

piquadro-blue

voto 3,5Conclusioni / costi
Il prezzo di questa cover è di 40€ sul sito Piquadro, dove si trovano anche diverse colorazioni, senza la grafica delle Olimpiadi, per soddisfare gusti diversi. Chiaramente il prestigio del marchio incide sul costo, per cui è un prodotto destinato a chi apprezza Piquadro, il suo stile e la qualità. Ecco alcune delle varianti disponibili per le cover appartenenti alla famosa serie Blue square.

colori

PRO
+ Struttura ben realizzata
+ Buona qualità dei materiali con morbida pelle all'esterno
+ Il prestigio del marchio italiano
+ Nella confezione si trova anche un pratico panno nero per la pulizia del display

CONTRO
- Prezzo elevato

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram