iStats Menus si aggiorna alla versione 4: supporto a Mountain Lion, Retina Display e altro ancora

Chi ci segue da tanto tempo saprà già che per iStat Menus abbiamo particolare simpatia, avendone parlato a più riprese. Per questa popolare applicazione, che presenta a portata di click informazioni aggiornate in tempo reale su quanto accade nel nostro Mac sia a livello hardware sia software, è arrivato il momento di ricevere una nuova major version. Bjango, la software house che la sviluppa, ha infatti rilasciato iStat Menus 4 (via Macstories).

Tra le novità principali, troviamo il supporto ufficiale a Mountain Lion, su cui anche la precedente versione era comunque in grado di girare. Non manca ovviamente l'ottimizzazione per la modalità Hi-DPI dei nuovi MacBook Pro con Retina Display. L'interfaccia dei vari menu è stata rivista per renderla più moderna e informativa, con una modalità History per vedere i carichi di lavoro occorsi a uno specifico componente arrivando fino a 7 giorni prima e ulteriori opzioni relative ai singoli monitoraggi. Si segnalano in particolare lo stato SMART per le unità di archiviazione e la possibilità di vedere il consumo di banda dei singoli processi. In modo simile a quanto possibile con Fantastical (ma più limitato rispetto ad essa), inoltre, è possibile avere una visuale rapida degli eventi memorizzati dall'utente nel mese in corso, con un piccolo riepilogo giornaliero scegliendo una data precisa.

iStat Menus 4 è acquistabile direttamente dal sito di Bjango, raggiungibile al link a inizio articolo, e costa 16 $. Per coloro che volessero provarlo, è disponibile una versione Trial della durata di 14 giorni. Gli utenti della versione 3 possono aggiornare per 9 $, 7 in meno rispetto al prezzo pieno indicato poco sopra.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.