Fujifilm presenta la X-A1, la più economica della famiglia “X” (e un nuovo obiettivo)

Non è passato molto tempo dall’annuncio della X-M1, ma in Fuji non sembrano volersi riposare un attimo ed oggi hanno presentato la fotocamera più abbordabile del sistema X, la X-A1.

XA1OK

Come spesso accade, insieme al corpo è stato presentato anche un nuovo obiettivo, in questo caso un 50-230 f/4.5-6.7 OIS. Un tele 76-350mm equivalente, non certo luminoso ma che presenta una lente asferica, una a bassa dispersione (ED) ed un prezzo di listino molto abbordabile (399€). Da considerare anche la presenza dello stabilizzatore ottico OIS.

Lens_50-230mm_Black_Front-r98

Più interessante è il corpo macchina, in vendita da ottobre al prezzo suggerito di 549€ in kit con il 16-50 f/3.5-5.6 (probabilmente 499€ nel giro di poco) che offre delle caratteristiche molto valide per chi vuole entrare nel mondo fotografico mirrorless made in Fuji:

  • Sensore APS-C 16.3 Mpx (non X-trans)
  • Sensibilità ISO 200 – 6400 (espandibile 100 – 25600)
  • Velocità massima otturatore 1/4000
  • Risoluzione video 1920×1080 30p (anche 1280×720 30p)
  • Schermo basculante da 3″ e 920k punti
  • Wi-Fi integrato
  • Raffica da 5,6 fps
  • Dimensioni: 116.9(L)mm x 66.5(A)mm x 39.0(P)mm
  • Peso di 330g con batteria e scheda SD compresa

X-A1_Black_Left_16-50mm_Tilt_LCD_Tilting-r82

L’idea di una fotocamera entry level per il sistema “X” ci sembra molto valida, è vero che le lenti di maggiore qualità sono costose, come è normale che sia, ma stanno uscendo molti obiettivi della serie “XC”, come il nuovo 50-230 o il 16-50 in kit con la X-A1, creati appositamente per le fotocamere del segmento medio. I vantaggi in termini di dimensioni sono identici a quelli della X-M1, di fatto la fotocamera è esteticamente identica a quest’ultima, ma in plastica.

fuji-xA1

Personalmente sarei anche disposto a risparmiare sul corpo e poi spendere un po’ di più sulle lenti, così da ottimizzare la spesa. Il dubbio maggiore riguarda la strategia commerciale di Fuji, la X-M1 in kit con il 16-50 si può trovare a circa 700€, mentre la X-A1 in kit con lo stesso obiettivo parte già a 150€ in meno di listino che diventeranno probabilmente 200 quasi subito. Prima di chiedervi se ne vale la pena vi elenchiamo le differenze a vantaggio della X-M1:

  • Corpo in lega di magnesio
  • Sensore X-Trans

Ne vale la pena (prendere la X-M1 al posto della nuova arrivata)? Il corpo in lega è un’interessante attrattiva ma non è detto che il sensore con pattern tradizionale si riveli realmente inferiore a quello X-Trans, specie per chi usa scattare in RAW e si avvale di applicazioni di post-produzione come Lightroom o Aperture che, notoriamente, non vanno perfettamente d’accordo con gli X-Trans.

Alcuni link presenti nell'articolo possono presentare codici di affiliazione con i partner sponsorizzati.
Alessio Andreani

Special Editor - Sono nato a Loreto, nelle Marche. La fotografia occupa gran parte del mio tempo, sia per lavoro che per passione, due aspetti che a volte coincidono. Vivo a Milano. Pagina Facebook

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.