Panasonic GM1: piccola come una compatta grande come una Micro Quattro Terzi

gm1-fronte

Oggi Panasonic inaugura una nuova sigla per le sue Micro Quattro Terzi con la nuova GM1. La casa nipponica è riuscita ad inserire l'elettronica della più recente GX7 in un corpo compatto come quello di una Nikon 1, simile per dimensioni alla Sony RX100II. Lo stile è quello della sorella maggiore, semplice e retrò, e ricorda moltissimo le ultime Fuji, in particolare la compatta XF1. La Panasonic GM1 arriverà in Italia in tre colorazioni: nero assoluto, acciaio e cuoio ambrato, nero e acciaio.

panasonic-gm1-color

Il sensore è lo stesso Live MOS da 16MP presente nella GX7 e, a detta della casa, offre un incremento del 25% sul rapporto segnale/rumore rispetto ai precedenti. Anche l'AF è preso dalla top di gamma e sfoggia una capacità di -4EV riuscendo a mettere a fuoco senza problemi anche in condizioni di luminosità critiche. Date le dimensioni così ristrette non c'è spazio per il mirino ma c'è un ampio display touch da 3" sul dorso. Ottima la costruzione e funzionalità al top per questa piccola mirrorless che include tutto il meglio della tecnologia Lumix, compreso il Wi-Fi/NFC.

gm1-retro

Insieme alla GM1 Panasonic ha ideato un nuovo obiettivo pancake 12-32 f/3,5-5,6 che promette meraviglie in quanto a definizione e qualità d'immagine. Questo farà parte del kit base a 699€ mentre ci sarà un secondo kit premium a 999€ con due obiettivi, il 12-32 ed il 20 f/1.7, ed un particolare grip in metallo che ne migliora l'ergonomia. Disponibilità prevista per metà novembre.

gm1-kit

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.