Facebook compra WhatsApp! per 16 miliardi di dollari

Con una mossa del tutto inaspettata Facebook ha messo le mani sul client di messaggistica istantanea più popolare di sempre: WhatsApp! Mark Zuckerberg sborserà ben 16 miliardi di dollari per portare a termine l'acquisto, di cui 12 in azioni. Altri 3 miliardi andranno al fondatore dell'azienda, Jan Koum, e i 32 dipendenti saranno integrati in Facebook almeno per quattro anni.

facebook-whatsapp

Secondo quanto dichiarato nel comunicato stampa WhatsApp! continuerà a funzionare come app separata dal social network ma con molta probabilità gli utenti saranno raggiungibili anche in Facebook Messenger, incrementando così notevolmente il numero di potenziali utilizzatori. Un po' come è accaduto per Instagram il potenziale è proprio la community a cui il gruppo di Facebook potrà attingere, un potenziale che conta oltre 450 milioni di utenti ogni mese, il 70% di questi attivi ogni giorno.

Per completare l'accordo, il fondatore entrerà nel pool direzionale di Facebook, diventando membro del consiglio di amministrazione. Sarà senza dubbio una mossa costosa per l'azienda ma anche particolarmente strategica, in un colpo solo sbaraglierà la più dura concorrenza al suo messenger e ne implementerà cospicuamente la base di utenza.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.