iPhone 5C da 8GB per 60€ in meno: una mossa disperata?

Le notizie riguardo all'iPhone 5C sono andate di male in peggio. Si è iniziato con un taglio della produzione, poi con un stop completo nelle fabbriche Foxconn, fino a giungere alla notizia di pochi giorni fa di un invenduto di oltre 3 milioni di unità. L'iPhone 5C non vende, c'è poco da fare, e non è tanto per le qualità del dispositivo quanto per il prezzo, troppo vicino a quello del 5S per suscitare interesse. Apple ha senza dubbio sbagliato nel posizionamento di questo prodotto e non perché il mercato si aspettava uno smartphone economico ma piuttosto perché costa una manciata di euro in meno del top di gamma pur avendo molti elementi inferiori. A Cupertino si sono senza dubbio accorti di questo errore ma non sembrano voler prendere in considerazione un taglio dei costi per il cliente, o almeno non senza ricorrere ad un corrispondente taglio nelle caratteristiche.

iphone5c

Secondo una fonte vicina al carrier tedesco O2 starebbe infatti arrivando una versione da 8GB dell'iPhone 5C, disponibile solo nei colori bianco e azzurro. A seguito del dimezzamento della capacità ci sarebbe però una riduzione dei costi di soli 60€, arrivando a 506€ in Germania. La novità potrebbe arrivare anche in Francia a partire da domani ma nulla si sa per l'Italia. Il fatto è che seppure arrivasse con lo stesso sconto di 60€ da noi costerebbe 569€, che continuano ad essere una cifra esagerata, specie considerando il taglio della memoria.

A questo punto del ciclo vitale del 5C non immaginiamo possibile per Apple un taglio dei costi lineare e incondizionato. Non lo farebbe mai per non far perdere valore al prodotto e per non ritornare sui suoi passi. Tuttavia questo invenduto rischia di essere un pesante flop per l'azienda che non si era mai trovata in una situazione simile con un iPhone. L'idea di ridurre il prezzo tagliando la memoria potrebbe anche sortire qualche effetto positivo ma non più di tanto. Rimane comunque un costo troppo elevato per suscitare interesse e con il taglio della memoria si rischia di ottenere un cliente scontento. Domani scopriremo se questa mossa sarà veramente confermata ma temiamo che non sarà sufficiente per conquistare nuovi utenti.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.