WD MyPassport Pro: prestazioni in mobilità con RAID Thunderbolt

Qualche tempo fa abbiamo provato il LaCie Little Big Disk, un'unità portatile che sfrutta la velocità della connessione Thunderbolt per far viaggiare al massimo un RAID di due dischi, disponibile sia con HDD che SSD. LaCie ha ben identificato un pubblico di creativi in movimento ma il suo prodotto presenta un paio di limiti nel peso e nella richiesta di un'alimentazione dedicata. Entrambi questi problemi vogliono essere risolti da Western Digital con il nuovissimo MyPassport Pro.

WD-My-Passport-Pro

L'unità lascia trasparire nell'estetica la sua natura di un doppio disco, disponibile nel taglio da 2TB (1TB x 2) o 4TB (2TB x 2). Tutto intorno gira il cavetto Thunderbolt, pensato in modo geniale per non disturbare durante il trasporto ed essere sempre collegato al dispositivo.

WD-My-Passport-Pro-aperto

Al momento non è disponibile con SSD per una specifica scelta della casa, ma la connessione Thunderbolt consente di sfruttare al massimo la velocità dei dischi integrati e con il RAID stripe si raggiunge il ragguardevole traguardo di 233MB/s, più che sufficienti anche per lavori professionali nel campo della fotografia, del video e della musica. È una soluzione interessante per i creativi in mobilità perché consente di viaggiare leggeri, senza la necessità di alimentazione dedicata e con grande capienza e discreta velocità operativa. I prezzi di listino sono di 369,99€ per il modello da 2TB e 499,99€ per quello da 4TB. Per ora è disponibile solo sul WD Store, ma è in arrivo anche su Amazon.it a prezzo scontato.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.