Il fondatore di AnandTech va a lavorare per Apple

Un paio di giorni fa Anand Lal Shimpi, fondatore di AnandTech, ha pubblicato un post in cui rendeva pubblica la sua intenzione di lasciare la carriera di giornalista tecnologico. Dopo oltre 17 anni di attività come redattore nel sito che inizialmente si chiamava Anand's Hardware Tech Page, fondato alla tenera età di 14 anni, Anand andrà a lavorare per Apple. Questa è l'indiscrezione trapelata in queste ore da re/code che afferma di avere una conferma diretta interna all'azienda di Cupertino. Il sito noto per le sue approfondite analisi di componenti hardware, computer e dispositivi mobili, continuerà il suo percorso con al timone Ryan Smith, collega di Shimpi da circa 10 anni.

Anand-SM_678x452

Il ruolo di Anand all'interno di Apple non è ancora chiaro, ma vista la sua esperienza nell'hardware è probabile che verrà impiegato come consulente per l'ottimizzazione dei prodotti di Cupertino. In passato è già capitato che abbia collaborato con i produttori per migliorare alcuni dispositivi dopo averli testati ed è proprio la sua capacità di trovare difetti nell'hardware per migliorarne le prestazioni a poter interessare Apple. Interessante notare che a febbraio di quest'anno anche Brian Klug, revisore anziano del settore smartphone del sito AnandTech, abbia fatto il medesimo salto, essendo oggi un dipendente di Apple.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.