Presentata la Panasonic DMC-GM5, la più piccola mirrorless con mirino elettronico

gm5-fronte

Domani parte il Photokina 2014 e in questi giorni tutte le maggiori aziende stanno annunciando le novità che presenteranno in fiera. Panasonic ha svelato due nuovi modelli, il primo dei quali è la DMC-GM5. Questa è una evoluzione della GM1 (recensione) e rimane compattissima come Micro Quattro Terzi, anche se leggermente più alta della precedente. La nuova dimensione è dovuta alla presenza di un mirino elettronico integrato. Nello spazio aggiuntivo che si è ottenuto sopra lo schermo si sono anche inseriti dei nuovi controlli ed una ghiera per i parametri, eliminandola dal pad direzionale che ora offre più comode scorciatoie.

gm5

Il sensore è un Live MOS da 16MP e il processore è il Venus Engine. Per quanto riguarda la sensibilità abbiamo un range di 200-25600ISO, espandibile verso il basso per ottenere i 100 ISO. 23 i punti di messa a fuoco e 1/16000 la massima velocità di scatto, mentre la raffica è di 5fps. Il display è fisso ed è di 3" con 921 mila punti, ovviamente touchscreen, mentre il mirino elettronico ha un ingrandimento dello 0,92x ed una risoluzione di oltre 1 milione di punti. Dispone di connessione Wi-Fi integrata e di registrazione video in formato FullHD 60/50fps, con tanto di Focus Peaking per l'assistenza alla messa a fuoco. Si tratta della più piccola mirrorless con mirino elettronico integrato e può essere considerata una versione in miniatura della GX7 (recensione) anche se a quanto pare non dispone di stabilizzazione sul sensore. Sarà disponibile da novembre ad un prezzo di 850€ per il corpo macchina, sicuramente più elevato rispetto la GM1.

Insieme alla GM5 Panasonic ha anche ufficializzato il nuovo oviettivo Lumix G Vario 35-100mm f/4-5,6 ASPH Mega O.I.S. che offre focali equivalenti al 70-200mm e dovrebbe costare circa 400€ (il prezzo effettivo non è ancora stato comunicato).

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.