Risultati fiscali del Q4 2014: un altro successo per Apple e per gli iPhone

Ieri sera Apple ha ufficializzato i risultati finanziari del Q4 2014, ovvero quelli relativi al trimestre luglio-settembre di quest'anno. Il fatturato complessivo è stato di 42.123 miliardi di dollari, con un utile netto di 8.467 miliardi di dollari, mentre il periodo di riferimento dell'anno precedente ci si era attestati su $37.472 miliardi di fatturato con un utile di $7.512 miliardi.

q4-2014

 

A dare una grossa spinta al fatturato ci ha pensato il settore degli smartphone, che grazie alla presentazione di iPhone 6 e iPhone 6 Plus ha fatto raggiungere l'ottimo risultato di 39,27 milioni di esemplari venduti. L'incremento rispetto il medesimo periodo dell'anno scorso è importante e si attesta sul 16%, mentre gli iPad scendono del 13% con 12,3 milioni di unità vendute. Questi ultimi sono stati aggiornati ad ottobre, per cui la spinta sul fatturato di iPad Air 2 ed iPad mini 3 la vedremo nel successivo trimestre. Interessante notare che i Mac continuino a crescere anche se il mercato dei PC è in forte crisi. Apple ne ha venduto 5,52 milioni con un incremento del 18% anno su anno. Male per gli iPod che continuano a perdere terreno, forse anche per il mancato aggiornamento: si è passati da 3,5 milioni di esemplari del 2013 a 2,6 milioni nel 2014, con un calo del 24%. Infine ci sono iTunes, App Store e gli altri servizi ad essi correlati, i quali hanno garantito un fatturato di 4,6 miliardi di dollari, con un aumento dell'8% rispetto il 2013.

Tim Cook ha specificato che il record di quest'anno è dovuto in parte al più grande lancio iPhone di sempre, riferendosi ovviamente ad iPhone 6 e 6 Plus. Ha inoltre ribadito che Apple è arrivata a fine del 2014 con un'offerta di hardware e servizi senza pari e che sono particolarmente entusiasti di Apple Watch e degli altri eccezionali prodotti e servizi in programma per il 2015.

Molto alte le previsioni per il Q1 del 2015, che Apple ipotizza possa offrire un fatturato compreso tra 63,5 e 66,5 miliardi di dollari.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.