Google al lavoro su Copresence, una versione di AirDrop multipiattaforma

nexus2cee_copresence_optin_howitworks2

Con tutti i suoi difetti, AirDrop è una piattaforma davvero interessante, che senza alcuna configurazione consente di scambiare file tra dispositivi iOS ed ora anche con Mac grazie a Yosemite. Nell'ultima versione del Google Play Services APK sono state scoperte delle immagini che raffigurano diversi dispositivi che si scambiano informazioni wireless soltanto stando vicini. Questa funzionalità, apparentemente simile ad AirDrop, è attualmente chiamata "Copresence", anche se si tratta di un nome interno che potrebbe essere modificato al momento del rilascio. A quanto pare sarà inclusa nelle prossime versioni di Android ed estesa ad altre piattaforme, iOS inclusa, con un'app dedicata. In pratica vengono utilizzate le informazioni di localizzazione ed il Bluetooth per identificare dispositivi vicini che supportano Copresence e questi si potranno scambiare dati utilizzando Wi-Fi Direct, anche se si trovano in due reti diverse. Una funzionalità del genere l'abbiamo già vista nella Apple TV e nel Google Chromecast e renderebbe molto più semplici le operazioni di paring non richiedendo alcuna configurazione. La API sperimentali di Copresence sono già presenti su Chrome e Google potrebbe essere davvero prossima al rilascio.

nexus2cee_copresence_optin_howitworks

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.