Apple e IBM lanciano le prime app per il settore business

Finalmente si hanno i primi risultati dello storico accordo tra Apple e IBM, riguardo il settore enterprise, siglato lo scorso luglio. Questo prevede la realizzazione da parte di IBM di software che saranno poi completati nel design dagli sviluppatori Apple. Come riporta The Verge, in questa settimana cominceranno ad essere usate le prime app nate da questa collaborazione, le quali potranno essere pre-installate sugli iPhone ed iPad forniti alle aziende. Il software è ovviamente dedicato al settore business, destinato all'uso di società come Citi, Sprint, Air Canada e Banorte. Tra i titoli troviamo "Incident Aware", sviluppata per trasformare l'iPhone in uno strumento per aiutare la prevenzione della criminalità da parte delle forze dell'ordine. Questa permette, ad esempio, di accedere alle mappe in tempo reale e ai video-feed di incidenti, consentendo all'agente di chiamare direttamente la centrale per il supporto. Interessanti le app per le compagnie aeree che aiuteranno i piloti ad essere più efficienti sul consumo del carburante e ai membri dell'equipaggio a dare informazioni in merito a bagagli, prenotazioni e offerte speciali.

Apple-IBM-app

"Questo é solo il primo passo, il mondo degli affari si sta spostando sempre di più sul mobile, Apple e IBM stanno cercando di offrire la migliore tecnologia e i dati più precisi e analitici per ridefinire il modo di lavorare delle aziende" ha dichiarato Phil Schiller, vicepresidente del marketing di Apple. Nel corso del 2015 le due società hanno intenzione di espandere le proprie forniture nel settore sanitario, bancario, delle telecomunicazioni e delle assicurazioni.

Salvatore Tirino

Junior Editor - Praticante avvocato, appassionato di tecnologia a 360 gradi, in particolare di tutto ciò che riguarda il mondo Apple.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.