Bose potrebbe ritornare nell'Apple Store la prossima settimana

bose-apple-store-demo

Ottobre è stato un mese caldo per Bose, Beats ed Apple. La prima ha fatto valere il proprio contratto di esclusiva nella NFL, richiedendo che i giocatori non indossassero prodotti di altri brand. Si è arrivati perfino a multare il quarterback dei San Francisco 49ers, Colin Kaepernick, perché nel dopo partita aveva utilizzato delle cuffie Beats, marchio di cui è sponsor ufficiale. Jimmy Iovine di Beats aveva fatto sapere di non aver preso male questa situazione, considerando l'intervento restrittivo di Bose una pubblicità indiretta per l'azienda che rappresenta, ma i dirigenti di Apple devono averla pensata in modo diverso. Infatti una settimana più tardi tutti i prodotti Bose sono stati eliminati dagli store di Cupertino, ora proprietaria di Beats. Questa schermaglia potrebbe però volgere al termine in questo mese, perché secondo una indiscrezione del francese iGen, gli Apple Store avrebbe iniziato nuovamente ad acquistare prodotti Bose da esporre nei negozi. La fonte di iGen dice che nella prossima settimana l'embargo potrebbe concludersi e il marchio Bose riapparirà sia negli store fisici che in quello online. Personalmente mi era sembrata una scelta sensata quella di non vendere nei propri negozi prodotti di un'azienda concorrente alla controllata Beats, ma vedremo come si evolverà la vicenda entro la fine del mese.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.