E-M10 Mark II

Come previsto, questa mattina è arrivato il comunicato stampa ufficiale che presenta la nuova Olympus OM-D E-M10 Mark II. La fotocamera è quella che si era già vista nei leak dei giorni scorsi, ma ora ne conosciamo tutti i dettagli tecnici e il prezzo. Il sensore è lo stesso di quello della prima E-M10 e della E-M5 II, quindi un Micro Quattro Terzi da 16MP con ottime prestazioni. In termini di velocità si nota un leggero miglioramento della raffica, che sale da 8fps a 8,5fps. Passando a novità più interessanti, abbiamo il sistema di stabilizzazione sul sensore a 5 assi, ma non è lo stesso di quello dell'ultima E-M5 II in quanto promette un guadagno di 4 stop invece che 5.

em10-ii

Il corpo, non tropicalizzato, mantiene le caratteristiche estetiche e costruttive del precedente, con qualche piccola variazione. Abbiamo infatti ghiere un po' più ampie e comode a dispetto delle piccole dimensioni complessive, e il selettore di accensione è stato spostato in cima a sinistra, con un design ripreso da quello della OM-1 analogica. Importante miglioramento per il mirino elettronico, il quale è ora uno schermo OLED da ben 2,36 milioni di punti ed è anche più ampio (o,62x invece di 0,58x). Il display è invece lo stesso 3" touchscreen inclinabile, a cui è stata però aggiunta la funzionalità AF Targeting Pad, ovvero la possibilità di usare il pollice sullo schermo per impostare il punto di messa a fuoco mentre si guarda nel mirino.

em10 ii

Una prima assoluta per Olympus è la funzionalità 4K Time Lapse, che dovrebbe consentire di creare spettacolari filmati in modo semplice e automatico. In modalità di ripresa ci si ferma invece al Full HD ma fino a 60fps. Non mancano il Wi-Fi, l'otturatore elettronico (non presente nel primo modello), un piccolo flash ed accessori come l'impugnatura aggiuntiva ECG-3 e la borsa in pelle. La E-M10 Mark II sarà disponibile da metà settembre nei colori silver e black, ad un prezzo di 599€ per il solo corpo. In kit con il pratico obiettivo 14-42EZ il costo sale a 799€.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram