IFA 2015: Acer Predator 6 e 8, smartphone e tablet per giocatori puri

Si aprono le danze dell'IFA 2015 di Berlino, con Acer che ha presentato una serie di prodotti molto interessanti. La linea di PC Predator, svelata in aprile e destinata ai videogiocatori, si arricchisce di due nuovi elementi: un tablet ed uno smartphone. Questi condividono il medesimo DNA, ovvero prestazioni elevate e design aggressivo, differenziandosi dall'attuale tendenza di mercato che vede i produttori impegnati nel realizzare dispositivi sottili ed eleganti. Il Predator 8 è un tablet con schermo da 8" Full HD IPS (Predator ColorBlast), CPU octa-core Intel Atom x7, grafica Intel HD di 8° generazione, 4GB di RAM, fino a 64GB di memoria espandibili con microSD, fotocamera da 21MP e quattro speaker sul frontale (Predator Quadio) con Dolby Audio. Ovviamente è dotato dei classici Wi-Fi, Bluetooth, accelerometro, GPS, ecc.. ma ha un touchscreen particolarmente preciso, che supporta anche i pennini, ed un feedback aptico (TacSense) per restituire sensazioni di gioco simili a quelle di un gamepad delle moderne console. Il Predator 8 è spesso 8,7 mm, pesa 350 grammi ed ha cover posteriore in metallo spazzolato. Arriverà sul mercato europeo per ottobre, con prezzi a partire da 349€.

predator-8_gt-810_bk_wp_06

Sulla falsa riga del tablet è stato anticipato anche uno smartphone, il Predator 6. Questo, però, non sarà disponibile in breve tempo e l'annuncio ufficiale è dunque rimandato a dopo l'IFA. Oltre al particolare design (che vedete nella seguente immagine catturata da mashable), spiccano elementi come il display HD da 6", la CPU MediaTek Helio X20 a 10 core (!), i 4GB di RAM ed altre caratteristiche pari al fratello maggiore, come la fotocamera da 21 MP, i 4 speaker frontali e il feedback aptico.

acer-predator-6

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram