Recensione: Tweetbot 4, appena arrivato è già irrinunciabile

Dopo una estenuante attesa, Tapbots si è decisa ad aggiornare Tweetbot, che su iPad era rimasto più di una generazione indietro rispetto a quello per Mac ed iPhone. La versione rilasciata oggi, la 4.0, è in realtà la prima ad essere universale, per cui basterà acquistarla una volta sull'App Store per poterla utilizzare su tutti i propri dispositivi con iOS. Il prezzo di lancio è di 4,99€, attualmente scontato del 50%, il quale risulta essere sicuramente giustificato dalla quantità di cambiamenti, principalmente per chi ha interesse ad utilizzarlo su iPad. Non è stato ancora inserito il supporto al 3D Touch di iPhone 6s, e questo è un peccato, ma la lista di novità è piuttosto lunga.

tweetbot-4-split-view

La nuova interfaccia è ancora più minimale, in perfetto allineamento con la versione per Mac. Su iPad abbiamo la modalità landscape e la compatibilità con lo Split View di iOS 9 (richiede Air 2 o mini 4). C'è la possibilità di rispondere direttamente ad una notifica, il browser integrato supporta i content blocker nativi di Safari e ci sono numerosi miglioramenti ed ottimizzazioni su tutto il codice.

tweetbot-4-services

Continuo a non gradire il fatto che si debbano impostare singolarmente le opzioni di abbreviazione degli URL, invio immagini, video e bookmarking: sarebbe stato molto più comodo poterli quantomeno recuperare da un account precedente senza rimettere il proprio login (come fa twittterrific). Una cosa che ho invece gradito molto è la presenza di un nuovo tab per le attività, dove vengono elencati tutti gli eventi legati al proprio account, come i nuovi follower, i retweet, ecc... cosa di cui lamentavo la mancanza nella precedente versione. Inoltre questa può essere vista con tab aggiuntivo nella visione landscape su iPad, ottimizzando al meglio lo spazio a disposizione. Interessantissima la visione delle statistiche, dove si può monitorare l'andamento del proprio profilo giorno per giorno.

tweetbot-4-stats

Conclusione

Tweetbot era ed è il miglior client Twitter su piazza, considerando tutte le piattaforme esistenti. È una di quelle poche app che mi manca quando uso Android e che non ha davvero rivali. Con il prezzo attuale di 4,99€ è assolutamente da avere, specie se vi interessa la versione per iPad. D'accordo, rispetto la 3.0 non ci sono rivoluzioni su iPhone, ma i miglioramenti ci sono e alcuni possono essere determinanti. La questione dell'attività, ad esempio, la trovo davvero fondamentale. Inoltre segnalo un funzionamento perfetto delle notifiche, che arrivano proprio simultaneamente su iPhone e iPad, con precisione impareggiabile. Personalmente lo consiglio senza riserve, è davvero un'app da avere su ogni dispositivo iOS e il costo attuale è più che meritato. Si acquista a partire da questa pagina per supportare SaggiaMente.

PRO
+ Bellissima interfaccia
+ App universale
+ Buona implementazione su iPad con supporto per Split View
+ Sistema di mute granulare ed efficace
+ Nuova lista di attività
+ Nuova tab statistiche
+ Supporto multiaccount ottimamente implementato
+ Supporto per sincronizzazione con iCloud o TweetMarker
+ Notifiche rapide e puntuali
+ Possibilità di rispondere direttamente ad una notifica
+ Prezzo di lancio conveniente

CONTRO
- Preferirei poter recuperare i login per i servizi correlati dagli altri account twitter

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.