CES 2016: nuovi 2-in-1 da Dell, un monitor 30" OLED e i primi con connessione Wireless

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Alessandro Brandi, Riccardo Innocenti.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Ricca infornata di novità al CES 2016 per Dell, azienda che ha ottenuto l'Innovation Awards Honorees per diversi prodotti. Iniziamo dal nuovo Latitude 13 7000 Series, un portatile che è essenzialmente la versione business dell'XPS 13, risultando un po' più robusto e indicato per i professionisti. Elemento decisamente più attrattivo è il Latitude 12 7000 series che, pur avendo nome analogo, è invece un tablet. Per essere più precisi, potremmo considerarlo "il Surface Pro 4 di Dell", visto che le similitudini sono davvero tante.

ces-latitude-7275-laptop

Ha un display touchscreen da 12,5" coperto da Gorilla Glass con risoluzione FHD o UHD a seconda delle configurazioni. Processori Core M3, M5 o M7 di sesta generazione, Intel HD Graphics 515 e diversi tagli per RAM (fino ad 8GB) o SSD PCIe. Completissima la connettività, che oltre al Wi-Fi ac MIMO e Bluetooth 4.1 LE vanta la presenza di un modulo dati LTE/HSPA+ (opzionale). Ci sono poi due porte USB 3.1 (Type-C/Thunderbolt), un lettore di microSD ed una porta dedicata alla connessione della tastiera. Tra gli accessori anche una penna stile Surface (Dell Active Pen), un adattatore USB-C che comprende HDMI/VGS/Ethernet/USB 3 ed una batteria da viaggio. Da 8 e 5MP le due fotocamere presenti, mentre l'audio è stereo e la tastiera Folio è più che una semplice cover. Questo modello costerà circa $1000, mentre la variante Latitude 11 5000 Series partirà da $750 e la disponibilità è prevista per fine mese.

Dell-30-inch-UltraSharp-UP3017Q_official

 

Novità molto interessanti anche lato monitor, con un magnifico 30" OLED 4K a capitanare. Il Dell UP3017Q ha una copertura del 100% dello spazio colore AdobeRGB e del 97,8% di quello DCI-P3. Il collegamento avviene con un solo cavo USB-C, ma è prevista anche una dock per poterlo adattare a "vecchi formati". Non sarà economico, ovviamente, con un prezzo di listino orientativo di circa $5000 e disponibilità per fine marzo. Grazie alla tecnologia OLED la riproduzione dei colori sarà eccellente e con un rapporto di contrasto praticamente infinito che lo rende ideale per ambienti profssionali.

infinity-edge-monitors

In fascia decisamente più consumer si trovano i due nuovi UltraSharp InfinityEdge, che riprendono le cornici sottilissime già viste nei portatili XPS di ultima generazione (5mm per lato, 8mm in basso). Il Dell U2717DA è da 27" con risoluzione UHD e costerà $719, mentre il U2417HA è FHD e costerà $349. Entrambi hanno copertura del 99% di sRGB e connettività HDMI 1.4 (MHL), DP 1.2, mini-DP 1.2 4 USB e audio out. La disponibilità è prevista per la fine di febbraio.

I più innovativi sono però i monitor wireless da 23" e 24". Strana scelta quella di averne due con dimensioni e prezzo quasi identici, ma sono stati differenziati nelle specifiche tecniche. Il Dell S2317HWi possiede infatti delle piccole casse integrate e la base che supporta la ricarica ad induzione (standard Qi e PMA), mentre nel U2417HWi mancano queste due cose ma si guadagna una migliore riproduzione colore, HUB USB 3.0 da 4 porte e cornici più sottili. Entrambi possono ricevere segnali video wireless da Android o Windows (Miracast o Bluetooth), volendo anche contemporaneamente. Il 23" costerà $429, mentre ne servono $469 per il 24", entrambi disponibili da fine marzo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.