Xiaomi presenta il Redmi Pro, un top di gamma dal prezzo abbordabile

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Luciano Meringolo, Antonio Cerchiara, Antonio Fazio, Salvatore Usai, Teresio Demaria, Michele Figari, Massimiliano Zullo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Xioami ha appena concluso la conferenza di presentazione del Redmi Pro, nuovo smartphone di fascia alta su cui, negli scorsi giorni, si erano diffusi parecchi rumor. Come di consuetudine, l'azienda cinese ha puntato molto sui componenti hardware, prediligendo il processore Mediatek Helio X20 (o X25 a seconda dei modelli) deca-core e la GPU Mali T880 che garantisce più che buone prestazioni anche con i giochi 3D più complessi.

id523531

Il display da 5.5" è OLED Full HD con densità di 342 PPI, contrasto 60.000:1 e saturazione del colore al 100%, il che, secondo Xiaomi, dovrebbe garantire una resa pari a quella di un pannello LED. A seconda delle fasce, il Redmi Pro è disponibile con 3 GB o 4 GB di RAM, con tagli di memoria da 32 GB, 64 GB e 128 GB (espandibili con microSD).

id523535

Altra novità è la presenza di una doppia fotocamera posteriore, con un sensore Sony IMX258 da 13 MP e uno Samsung da 5 MP con apertura focale da f/0.95 a f/5.6. La scelta dovrebbe garantire una maggiore profondità di campo per le immagini e una maggiore definizione. La fotocamera frontale è invece da 5 MP, con angolo da 85°.

id523538

Completano la dotazione hardware lo slot dual-SIM dual-standby, il supporto alle tecnologie VoLTE, Wi-Fi, Bluetooth 4.2, 4G, jack 3,5 mm, porta USB-C e sensore di impronte digitali anteriore, oltre ad un'ottima batteria da 4.050 mAh. Il sistema operativo è Android 6.0.1 con MIUI 8. Il design del telefono ricorda molto quello del Redmi Note 3, dal quale mutua anche la finitura in alluminio spazzolato (disponibile nei colori grigio, bianco e oro) e il vetro 2.5D. Il Redmi Pro sarà disponibile dal 6 agosto a partire da 199 € sino ad arrivare a 279 €.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.