Google rilascia YouTube VR per Android, ma funziona solo sui suoi device

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Enrico Valzano, Ditta Comar Massimo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Google si prepara al proprio ingresso nel mondo della realtà virtuale – che avverrà a breve grazie al Daydream View – con il rilascio di YouTube VR per Android. L'app si aggiunge ad una serie di altre (tra cui Street View e CNN VR), compatibili con il visore che la casa di Mountain View, grazie anche ad accordi con terze parti, sta facendo pubblicare sullo store.

youtube-vr

Sullo stile di molti software del genere, YouTube VR permette di immergere l'utente in un un mondo tridimensionale da dove poter godere sia di contenuti standard, grazie alla simulazione di un display davanti allo spettatore, sia della della visione di video a 360°, ormai supportati dalla piattaforma da molti mesi. Attraverso l'app è possibile fruire dell'esperienza di YouTube in modo completo, con la possibilità di accesso ad iscrizioni, playlist, cronologia di visione e in generale ogni funzionalità offerta dal servizio.

youtube-vr2

La gestione dell'applicazione può avvenire alternativamente attraverso comandi vocali o tastiera. Naturalmente l'esperienza non è soltanto visiva, infatti YouTube VR offre una sensazione di immersione totale anche grazie all'audio, con effetti di profondità e modifica della fonte di provenienza del suono in base a dove si guarda. La brutta notizia è che per il momento l'app, disponibile gratuitamente sul Google Play Store, è compatibile solo con il visore Daydream View, che necessita, a sua volta, dei Google Pixel, per essere utilizzato.

youtube-vr3

Salvatore Tirino

Junior Editor - Praticante avvocato, appassionato di tecnologia a 360 gradi, in particolare di tutto ciò che riguarda il mondo Apple.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.